giornata della lingua inglese

Londra, Boris Johnson oggi intende cambiare tono

Il primo ministro britannico Boris Johnson oggi intende cambiare tono quando si presenta alla conferenza stampa per parlare della riapertura del 19 luglio.  No, non ha nessuna intenzione di non andare avanti con il piano di riaperture anche se i contagi aumentano e alcuni ospedali cominciano a dire di essere in difficoltà ma invece di usare il solito allegro tono da vittoria usato fino ad ora, vuole avere un atteggiamento più serio.

Si lui vuole che la gente si prenda le proprie responsabilità senza obblighi legali, il che sulla carta sembra una buona idea. Purtroppo come ben sappiamo la gente non sempre si comporta nel migliore dei modi. Anche se Johnson ha detto diverse volte che si fida dei britannici, non ci sono elementi che ci fanno sperare che tutti i britannici si comporteranno bene anche senza nessun obbligo legale. 

Per esempio la finale degli europei di ieri a Wembley doveva essere un evento prova con 60 mila persone tutte vaccinate o con tampone negativo. Un gruppo di tifosi inglesi ha però rotto le barricate e sono riusciti ad entrare senza biglietti e forse anche con il COVID.

Quindi ha deciso di andare nuovamente in televisione per ricordare ai cittadini britannici che si devono comportare bene, vista la gravità della situazione. Se il messaggio non è comunicato bene i rischi sono veramente tanti. 

Un dato positivo però è che secondo Public Health England (PHE) e dell’Università di Cambridge suggerisce che i vaccini hanno finora prevenuto circa 8,5 milioni di infezioni e 30.000 decessi solo in Inghilterra.

Ultimo aggiornamento 2022-07-07 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Rispondi

Torna su