Londra, dai primi dati sembra che Omicron sia super contagioso

Anche Boris Johnson sta cambiando tono oggi, non ha ripetuto di celebrare il Natale come sempre ed andare a divertirsi. Al contrario ha avvertito che Omicron è molto contagioso e quindi potrebbe essere necessario mettere restrizioni nei prossimi giorni. Sta ancora aspettando i risultati dagli scienziati per sapere se è pericolo e se i vaccini fanno effetto o no. Fino ad ora Johnson aveva puntato completamente sui vaccini, ma anche se non ci sono ancora i risultati finali sembra che i vaccini abbiano meno effetto contro Omicron che Delta. Cosa che potrebbe creare problemi soprattutto per gli anziani e le persone vulnerabili.

Il tasso R per la variante del coronavirus Omicron potrebbe arrivare fino a 3,47, suggerisce una ricerca preliminare.

Il professor Alastair Grant, dell’Università dell’East Anglia, ha previsto il tasso di riproduzione della nuova variante sulla base dei dati dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA).

Il tasso R è il numero medio di persone a cui una persona infetta trasmetterà un virus. Ora per la variante Delta il tasso è intorno al 0,9-1.2 che significa che in media ogni persona con il COVID infetta una persona o poco più. Con Omicron le cose cambierebbero drammaticamente.

Ha detto che la cifra elevata di Omicron è dovuta a “un misto di capacità di trasmissione e di fuga parziale del vaccino”, aggiungendo che è probabile che diventi il prossimo ceppo dominante.

Inoltre certi bambini con Omicron hanno sviluppato un'”eruzione cutanea insolita” , secondo un medico di famiglia.

Il dottor David Lloyd, un medico di base con sede a nord di Londra, ha dettagliato i sintomi della nuova variante osservata principalmente tra i gruppi di età più giovani che sembrano essere diversi da quelli delle altre varianti.

Accanto all’eruzione cutanea, sono stati segnalati sintomi tra cui affaticamento, mal di testa e perdita di appetito.

Rispondi

Torna su