CONDIVIDI

Cock Lane si trova vicino al Smithfield Market  ed è il posto dove fu avvistato forse il fantasma più famoso di Londra. Il motivo per conoscere questa storia del 1700 è che fece molto scalpore, all’inchiesta uno della commissione era il famoso Samuel Johnson e il caso fu menzionato in molte opere letterarie, incluse quelle di Dickens. Lo trovate anche in numerosi disegni di William Hogarth.

I protagonisti della storia erano un impiegato della chiesa locale chiamato Richard Parsons che era anche il padrone di casa della casa con i fantasmi, sua figlia Elizabeth di 12 anni e gli inquilini della casa in questione William e Fanny Kent. Richard Parsons aveva problemi di alcol e faticava a mantenere la famiglia.

cock lane
La casa di Cock Lane

La moglie di William Kent, Elizabeth era morta di parto e William cominciò una relazione con la sorella della defunta, Fanny. La legge del tempo non permetteva ai due di sposarsi ma in ogni  caso andarono a Londra a vivere insieme. E andarono a vivere a Cock Lane nella casa di Richard Parsons. Da notare che William Kent era un usuraio e aveva fatto prestiti anche al suo padrone di casa.

In ogni caso ci furono subito segnalazioni di strane apparizioni e rumori in quella casa. William Kent dovette recarsi fuori Londra per qualche giorno e chiese a Elizabeth Parsons di fare compagnia a Fanny che era incinta. Le due sentirono sempre strani rumori e videro apparizioni.

Cose strane di Londra: La mummia di Jeremy Bentham

Visto che la nascita del bambino era vicina Kent decise di portare Fanny a partorire altrove ma nel frattempo la donna si ammalò di quello che il dottore diagnosticò come vaiolo e morì. Visto che le apparizioni continuavano Richard Parsons organizzò una seduta spiritica e qui comparvero lo spirito della prima moglie di Kent Elizabeth che disse di essere stata uccisa dal marito e quello di Fanny che dichiarò di essere stata avvelenata con l’arsenico.

London Ghosts & Hauntings 

Il caso ebbe una pubblicità immensa, ebbe risvolti politici e religiosi. Ci furono tante sedute spiritiche, commissioni, inchieste, discussioni di esperti e fu concluso che non c’era nessun fantasma.  Si concluse con William Kent che denunciò Richard Parsons di conspirazione contro di lui. Infatti se i fantasmi fossero stati presi seriamente sarebbe stato condannato di omicidio e a morte. Il tribunale diede ragione a William Kent.