Londra, dopo Natale forse il lockdown che non è un lockdown

Anche se la situazione sta per andare fuori controllo e gli scienziati hanno detto che bisogna mettete restrizioni ora, il governo di Boris Johnson non vuole rovinare il Natale a nessuno.

Sembra che forse il governo stia prendendo in considerazione un mini lockdown di due settimane dalla fine di dicembre dopo gli avvisi degli scienziati. Ciò significherebbe niente festeggiamenti dell’ ultimo dell’anno nei locali. I negozi rimarrebbero comunque aperti e le scuole riprenderebbero normalmente all’inizio di gennaio. I pub e ristoranti dovranno rimanere aperti e fare solo cibo d’asporto o servire i clienti all’aperto (a fine dicembre?). Gli alberghi rimarranno aperti. Parrucchieri, saloni di bellezze e palestre rimarranno aperti, ma non potrete andarci con gli amici. In teoria anche cinema e teatri rimarranno aperti anche se non si capisce come potranno garantire la sicurezza. Grossi concerti ed eventi sportivi al coperto dovranno essere cancellati o posticipati.

Gli incontri con altre persone che non abitano assieme al chiuso sarebbero comunque nuovamente vietati, ma solo per 14 giorni. Ma queste persone possono comunque incontrarsi all’aperto, magari nel giardino del pub mentre si bevono una pinta sotto la neve.

Ovviamente il piano fatto sembra essere il minimo possibile per cercare di fermare il virus senza danneggiare l’economia e senza dover creare pacchetti di aiuto finanziario a ristoranti e altri settori. Questo potrebbe essere in funzione dal 27 dicembre in poi.

Aspettatevi di sentire tanti manager di ristoranti lamentarsi che si tratta di un lockdown de facto senza nessun aiuto economico. Ancora non si hanno i dettagli ufficiali e non sappiamo se ci sarà effettivamente questo lockdown, Johnson si dice ancora contrario, spera che le vaccinazioni e la responsabilità individuale siano sufficienti per combattere la pandemia.

Rispondi

Torna su