Londra, fino a 1.3 milioni di immigrati hanno lasciato il Regno Unito nell’ultimo anno

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Le colpe maggiori di questo grande esodo dell’ultimo anno sono la pandemia di COVID, l’insicurezza economica e la Brexit

Si pensa che Londra da sola abbia perso almeno 700 mila persone nate all’estero che ci vivevano e lavoravano. Sarebbe una perdita improvvisa del 8% della popolazione della metropoli. 

Lo studio, del Centro di eccellenza delle statistiche economiche (ESCoE) finanziato dal governo, trova un legame con la devastazione inflitta dalla pandemia a settori come l’ospitalità e la vendita al dettaglio.

Il problema maggiore è che una volta finita la pandemia molti settori si troveranno rapidamente a corto di personale. Il nuovo sistema di immigrazione permette solo alle persone qualificate di poter aver un permesso di lavoro e quindi esclude molti settori che una volta ripresi avranno bisogno di personale.  Bisogna vedere quanti britannici avranno voglia di fare i badanti o i baristi. 

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

TLL News
Londra, aumenti delle bollette energetiche saranno un disastro per molte famiglie
LondraNews
Londra, manca il personale ma il governo insiste a non volere immigrati
23036240_westminster-london-uk-16th-october-2016-the-mayor-of-london-sadiq-khan-opens-festival-of-dewali-at-trafalgar-square
Londra, il sindaco vuole visti temporanei per affrontare crisi personale
TLL News
Meteo Londra, il tempo di ora e dei prossimi sette giorni
LondraNews (67)
Londra, apre il primo cocktail bar per cani

Il governo dovrebbe creare dei visti temporanei di 6 o 12 mesi per lavorare nella ristorazione e ospitalità?