covid

Londra, giovedì 24 febbraio fine della pandemia

Domani Boris Johnson annuncerà la fine della pandemia di COVID e dell’intromissione dello Stato nelle vite dei cittadini. Da ora il COVID sarà una malattia endemica come il raffreddore e l’influenza. Questo dovrebbe iniziare il 24 febbraio.

I funzionari hanno affermato che entro la fine della settimana, le persone che risultano positive al test e i loro contatti stretti non avranno più bisogno di autoisolarsi poiché le normative verranno eliminate.

Praticamente chi ha il COVID deve comportarsi esattamente come quando ha il raffreddore o l’influenza, quindi ci si aspetta che solo chi ha sintomi evidenti rimarrà a casa, chi ha il COVID asintomatico o con pochi sintomi non ha motivo per non andare a lavorare o a scuola.

I focolai verranno gestiti dagli enti locali e dai poteri sanitari preesistenti, come ci si aspetterebbe per malattie diverse dal Covid-19. Ovviamente Johnson punta molto sui vaccini che dice sono stati un grande successo e invita chi ancora non l’ha fatto a vaccinarsi.

Non sappiamo se saranno ancora disponibili tamponi gratuiti e se il governo intende ancora finanziare le organizzazioni che controllano l’epidemia sul territorio. Sembra che il governo sia diviso su questo, chi vuole eliminare tutto e chi invece pensa che queste due aree siano fondamentali per controllare i contagi.

Anche se Johnson dice che le sue decisioni sono basate sulla scienza, non si è ancora visto uno scienziato consulente al governo dichiararsi a favore, non si sentono proprio. Questo fa aumentare i sospetti, visto che i due consulenti scientifici ufficiali hanno sempre espresso un opinione e spesso accompagnato il primo ministro durante le conferenze stampa.

Rispondi

Torna su