giornata della lingua inglese

Londra, gli ultracinquantenni sono i più licenziati

 

La disoccupazione tra gli ultracinquantenni è aumentata del 195% in un anno, la peggiore di tutte le fasce di età. Gli esperti temono un secondo picco di licenziamenti quando le aziende saranno costretti a contribuire maggiormente al Job Retention Scheme, lo schema sponsorizzato dallo stato, da luglio e quando terminerà a settembre.

Anche se l’economia sembra riprendersi un po’, le aziende hanno ancora problemi seri, soprattutto in determinati settori. 

Si temono licenziamenti di massa di lavoratori tra i 50 ei 60 anni quando i datori di lavoro in difficoltà non ricevono più aiuti dallo stato per pagare gli stipendi. Il Job Retention Scheme sovvenzionato dai contribuenti finisce il 30 settembre, copre fino all’80% dello stipendio di un dipendente per le ore che non possono lavorare, fino a un massimo di £ 2.500 al mese.

I dati dell’ONS mostrano che 107.000 ultracinquantenni hanno perso il lavoro tra novembre e gennaio, con un aumento di oltre 70.500, o 195%, dall’anno precedente. Purtroppo gli ultracinquantenni sono anche coloro che faticano di più a trovare un nuovo lavoro, il rischio è che molti di loro non torneranno più a lavorare. 

Mentre il governo ha lanciato iniziative per aiutare i giovani sotto i 25 anni a trovare lavoro, ci sono pochi programmi ed iniziative per aiutare coloro che hanno più di 50 anni. Molti di loro possono solo andare in pensione a 67 anni e quindi si parla di anni di potenziale disoccupazione. 

Rispondi

Torna su