Londra: I britannici non hanno le competenze per un’economia digitale

Un rapporto di McKinsey afferma che il 94% dei lavoratori nel Regno Unito non ha gli skills necessari per un’economia digitale. 

La pandemia ha accelerato il problema facendo notare come ci sono competenze mancanti come per esempio nell’e-commerce, mentre una buona parte della forza lavoro ha competenze in aree che sono state decimate dalla pandemia e che secondo il Alcuni dei lavori più a rischio includono ruoli di vendita, assistenti al dettaglio, receptionist e camerieri.

Senza azione da parte del governo e dei datori di lavoro ci sarebbero milioni di lavoratori nei prossimi 10 anni che non hanno le competenze necessarie per lavorare. Con le nuove leggi di immigrazione che entreranno in vigore dal 1 gennaio,  diventerà molto difficile importare queste competenze dall’estero e la paura di molti è che certi settori si dovranno spostare dal Regno Unito per mancanza di personale con le competenze necessarie. 

Il Regno Unito ha da anni livelli bassi di produttività, con una produzione particolarmente scarsa tra i lavori meno pagati, in parte a causa della mancanza di formazione.

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Olio essenziale di semi di carota, a cosa serve e come si usa

Londra: programmato sciopero aeroporto a dicembre