Londra, i casi di COVID tornano a salire e Johnson non esclude un lockdown

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Capire effettivamente la situazione dei contagi dalle cifre giornaliere è impossibile. Sappiamo che i dati della domenica sono bassi, ovviamente non tutti gli uffici che si occupano di segnalare casi sono aperti. Il lunedì si rialzano i numeri dei contagi, ma non i decessi e il martedì solitamente si vede un alto numero di decessi. Quindi per capire le cose bisogna guardare a tutta la settimana e sembra che questi ultimi 7 giorni vedano di nuovo un aumento di casi del 23%, quando ormai tanti stavano cantando vittoria contro il COVID.

Ieri Boris Johnson ha fatto una conferenza stampa e non ha detto nulla di particolarmente importante, tranne il fatto che ora non esclude un possibile lockdown, cosa che ha sempre escluso fino ad ora. Per il resto continua a dire di andare a vaccinarsi. Il Regno Unito era partito bene con le vaccinazioni ma si è fermato ora al 68,5% della popolazione vaccinata contro il 73,6% dell’Italia. Questo vale per le prime due vaccinazioni che nel Regno Unito in molti casi sono state fatte quasi un anno fa, quindi senza un altro richiamo non garantiscono nessuna immunità. Esiste quindi un po’ di fretta a voler vaccinare più persone nelle prossime settimane, per evitare un altro lockdown. Il primo ministro deve affrontare il problema dell’alto numero di no vax e scettici nel Regno Unito.

Questo è quello che ha detto il primo ministro Johnson. Potete leggere qui la versione integrale in inglese.

Voglio aggiornarvi sui nostri progressi, e in particolare su queste nubi temporalesche che si stanno addensando sul continente. Una nuova ondata di Covid ha costantemente attraversato l’Europa centrale e ora sta colpendo i nostri vicini più prossimi nell’Europa occidentale.

I nostri amici nel continente sono stati costretti a rispondere con vari gradi di nuove restrizioni, dai blocchi completi ai blocchi per i non vaccinati alle restrizioni sugli orari di apertura delle attività e alle restrizioni sugli incontri sociali.

Non sappiamo ancora fino a che punto questa nuova ondata si riverserà sulle nostre coste, ma la storia mostra che non possiamo permetterci di essere compiacenti. In effetti, negli ultimi giorni ci sono stati casi in aumento qui nel Regno Unito, quindi dobbiamo rimanere vigili.

Perché c’è una lezione che possiamo trarre dalla situazione attuale in Europa.

I paesi con tassi di vaccinazione più elevati, finora, se la sono cavata meglio. Questo ci mostra che, se vogliamo controllare l’epidemia qui nel Regno Unito, e se vogliamo evitare nuove restrizioni alla nostra vita quotidiana, dobbiamo vaccinarci tutti non appena siamo idonei.

Oggi, a seguito della raccomandazione del Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione, mettiamo a disposizione una seconda dose per tutti i ragazzi di 16 e 17 anni, a partire da 12 settimane dopo la prima dose.

E stiamo mettendo a disposizione dei booster per tutti coloro di età compresa tra 40 e 49 anni

I booster sono già disponibili per gli over 50, quelli con condizioni di salute pregresse e coloro che lavorano in prima linea nel nostro NHS e nelle case di cura.

E lasciatemi spiegare perché il richiamo è così cruciale: nel tempo, la protezione da due colpi inizia a diminuire, ma il terzo colpo aumenta la protezione fino a oltre il 90% contro l’infezione sintomatica.

Finora, circa 12,6 milioni di persone in tutto il Regno Unito hanno avuto il richiamo, compresi circa tre quarti delle persone con più di 70 anni e l’80% delle persone anziane nelle case di cura.

Ma molte altre persone che dovrebbero farlo non si sono ancora fatte avanti.

Perché sarebbe una tragedia assoluta se, dopo tutto quello che abbiamo passato, le persone che hanno fatto la cosa giusta vaccinandosi due volte finissero per ammalarsi gravemente o addirittura perdere la vita perché hanno permesso che la loro immunità diminuisse non ottenendo il richiamo

E se non hai avuto una dose, non è troppo tardi. In effetti, non c’è mai stato un momento migliore per ottenere quella protezione vitale mentre ci dirigiamo verso l’inverno.

Quindi, per favore, vai a vaccinarti per proteggere te stesso e gli altri, e così facendo possiamo aiutare a garantire che possiamo continuare nel modo in cui ci atteniamo al nostro piano di utilizzare la vaccinazione per controllare questo virus.

Tra le cose importanti che ha aggiunto dobbiamo ricordare anche che vuole che tutte le donne incinta si facciano vaccinare, la percentuale di vaccinazioni in questo gruppo è piuttosto bassa, che presto chi non ha fatto la terza vaccinazione non verrà considerato vaccinato, comunque non ritiene sia necessario obbligare tutti a mettere le mascherine. Continua a puntare esclusivamente sulle vaccinazioni, il che è rischioso visto che la durata dell’immunità sembra essere piuttosto breve e i vaccinati possono trasmettere il COVID anche se non mostrano sintomi, secondo diversi studi recenti.

Newsletter

aldwych
Aldwych Theatre a Londra
garden museum
Londra sconosciuta: Garden Museum
Untitled design (18)
Londra, dai primi dati sembra che Omicron sia super contagioso
hogarth
Mostra su Hogarth e l'Europa alla Tate Britain
I negozi di soho
Universal Works, negozio di abbigliamento maschile a Soho
guida a soho a londra
Soho a Londra, la guida completa al famoso quartiere
whiteleys
Whiteleys il più vecchio store di Londra, dove ora potrete anche viverci
wardour street
Cose che forse non sapete su Wardour Street a Soho
Untitled design (3)
Londra, niente altre restrizioni contro Omicron per il momento
serpentine galleries
Serpentine Galleries ad Hyde Park a Londra
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Brexit. Tra diritto e politica
Bestseller No. 2 BREXIT
OffertaBestseller No. 3 Brexit - The Uncivil War (Dvd) ( DVD)

Ultimo aggiornamento 2021-12-07 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: