Londra, i villaggi turistici che non vogliono i clienti irlandesi

Qualche giorno fa viene scoperta una lista segreta usata dai villaggi turistici Pontins. Si tratta di una lista di cognomi di persone non desiderate. E sono tutti cognomi irlandesi.

La lista degli indesiderabili era stata inviata agli addetti alle prenotazioni, ai quali era stato detto: “Non vogliamo questi ospiti nei nostri parchi”.  Chiedendo di non accettare prenotazioni da persone con questi cognomi. 

I cognomi in questione sono comuni cognomi irlandesi come O’Reilly, Boyle o Carney. Un informatore che ha contattato la Commissione per l’uguaglianza e i diritti umani con questa lista  ha anche rivelato che l’azienda stava monitorando le chiamate al proprio call centre e rifiutando le prenotazioni effettuate da persone con un accento o cognome irlandese.

Il motivo di tutto questo è quello di non avere i Travellers irlandesi (Mincéir o Pavee) nei propri villaggi. Ci sono 19 mila travellers irlandesi nel Regno Unito e sono visti un po’ come i Rom in Italia. Ovviamente si tratta di discriminazione etnica e in ogni caso i cognomi dei travellers sono gli stessi degli irlandesi non nomadi che sono circa 2 milioni nel Regno Unito. La lista non era di persone specifiche, ma di cognomi comuni irlandesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scritto da Marina Ricci

Lavorato a Londra, Edimburgo e Bristol per i new media ed editoria. Due bimbi e un gatto.

Londra, aumentano nuovamente i casi di COVID in certe zone

Silvia consiglia di non sopravvalutare Londra e la Gran Bretagna