Londra, il governo afferma che la crisi alimentare finirà nei prossimi mesi

Secondo di dirigenti del settore alimentare, i britannici sono destinati a ulteriori carestie alimentari per almeno un paio di anni. L’avvertimento arriva mentre il governo respinge i timori di carenza di cibo nei supermercati per Natale.

Un portavoce di Boris Johnson ha respinto le affermazioni che dicono che le carenze alimentari in Gran Bretagna saranno un problema per anni.

Il risultato della carenza di manodopera è che il sistema just-in-time che ha sostenuto supermercati, negozi e ristoranti quindi il cibo è arrivato sugli scaffali o in cucina, proprio quando ne hai bisogno è collassato.

Il gruppo aziendale CBI afferma che la carenza di manodopera attribuita alle lacune sugli scaffali e sui menu dei ristoranti potrebbe durare fino a due anni. Tuttavia, altri dicono che questa è solo una speculazione e non dovremmo essere troppo preoccupati per questo problema. Il governo ritiene che la situazione verrà risolta nel giro di qualche mese.

Ci sono state tante richieste per rendere il nuovo sistema di immigrazione un po’ più flessibile per soddisfare le esigenze del mercato, il governo ha dato la colpa ai datori di lavoro che non fanno abbastanza per attrarre e formare personale del posto. Ora ci sono camionisti pagati anche £80 mila, ma questi costi significano un aumento di prezzi

Il governo ha accantonato per la seconda volta i controlli sulle importazioni post-Brexit sulle importazioni dall’UE. La paura di creare una crisi più grande dovrebbe vederli accantonare ancora una volta il nuovo sistema. L’ultima proposta del governo era quella di imporre controlli severi sulle importazioni dall’Unione europea dopo la Brexit come soluzione per prevenire un confine duro in Irlanda e proteggere la sovranità britannica.

L’industria alimentare e delle bevande ha bisogno di assumere circa mezzo milione di lavoratori nel prossimo futuro a causa delle ridotte dimensioni della forza lavoro. Il settore è a corto di 1 dipendente totale su 8.

Rispondi

Torna su