Londra, importante studio di The Lancet sui contagi COVID tra i vaccinati

Secondo un nuovo ed importante studio, le persone vaccinate due volte stanno prendendo il Covid e lo stanno trasmettendo a coloro con cui vivono.

Secondo gli esperti del Regno Unito che hanno studiato casi domestici, le persone che sono state colpite due volte stanno prendendo il Covid e lo stanno trasmettendo a coloro con cui vivono. Secondo lo studio di Imperial College pubblicato su The Lancet (che potete leggere qui) chi è vaccinato può trasmettere o contagiarsi di COVID ma ha maggiori probabilità di prendere una forma più leggera della malattia.

Gli individui che hanno ricevuto due dosi di vaccino possono essere contagiosi quanto quelli che non sono mai stati iniettati. Hanno il 38% di probabilità di contagiare una persona non vaccinata, ma solo il 25% di contagiare una persona vaccinata. Quindi le persone che decidono di non vaccinarsi non possono affidarsi alla cosiddetta immunità di gregge creata dalle persone vaccinate.

I vaccini non sono molto efficaci nel fermare le infezioni, in particolare dall’emergere della variante Delta più infettiva che è dominante nel Regno Unito. Ma ovviamente le infezioni tendono ad essere meno gravi.

E nel tempo, la protezione offerta dai vaccini diminuisce e deve essere potenziata con ulteriori dosi.

Le conclusioni dello studio dicono che:” I vaccini sono altamente efficaci nel prevenire malattie gravi e morte, ma i nostri risultati suggeriscono che la vaccinazione non è sufficiente per prevenire la trasmissione della variante delta in ambienti domestici con esposizioni prolungate Le continue misure sanitarie e sociali per frenare la trasmissione della variante delta rimangono importanti, anche negli individui vaccinati.

Questo prestigioso studio mostra che la strategia del governo di Johnson di puntare solamente sulle vaccinazioni e non altre restrizioni o misure di sanità pubblica potrebbe non funzionare.

1 commento su “Londra, importante studio di The Lancet sui contagi COVID tra i vaccinati”

Rispondi

Torna su