Londra, Johnson ancora nei guai, questa volta per l’immigrazione dall’India

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Boris Johnson vuole firmare un trattato con l’India il prima possibile, è disposto a concedere le richieste indiane che volevano maggiore libertà di circolazione per i lavoratori indiani. Ciò significherebbe che gli indiani verrebbero favoriti quando richiedono un visto. Sarebbe contro le promesse della Brexit, ma Johnson e le promesse non sono mai andati molto d’accordo.

Intanto però in Parlamento è già attaccato dal suo partito e qui cominciano i problemi, che non finiranno qui. Johnson ha sempre meno appoggio e deve quindi cercare di fare contenti tutti nel suo partito per rimanere premier. Ovviamente i deputati che erano a favore della Brexit si chiedono se dare vantaggi ai cittadini indiani che vogliono immigrare è veramente riprendersi il controllo delle frontiere e sono pronti a lottare contro Johnson su questo.

Johnson ha risposto che da quando è primo ministro l’immigrazione è scesa (anche grazie alla pandemia e comunque manca personale specializzato in quasi tutti i settori, è una vittoria di Pirro) e che continuerà ad abbassarla. Ha promesso (ancora!) che non renderà più facile immigrare nel Regno Unito ai cittadini indiani.

Si ritiene che Narendra Modi, il primo ministro indiano, voglia che una immigrazione più facile per i cittadini indiani sia una cosa necessaria per avere legami commerciali più stretti. Quindi qualcuno dovrà cedere o non ci sarà nessun trattato.

Ovviamente Johnson è sotto pressione per non essere riuscito ad avere tutti i trattati commerciali da lui promessi (ci risiamo con queste promesse), che a suo parere sarebbero stati una cosa facilissima. Invece fino a ora ci sono solo trattati con paesi come Australia e Nuova Zelanda che tra l’altro danneggiano gli agricoltori britannici, un pessimo trattato con la Norvegia per la pesca e altri piccoli trattati che non fanno nessuna differenza al PIL.

Si hanno dubbi però sulla sanità mentale politica di un paese che a) non vuole immigrati di cui ha disperatamente bisogno b) per non avere immigrati (di cui ha comunque bisogno) è disposto a non firmare un trattato di libero scambio con una grande economia in crescita.

Intanto la UE ha annunciato che comincia gli incontri per un trattato di libero scambio con l’India. Le trattative passate di circa 5 anni fa erano andate a monte proprio a causa del Regno Unito che non voleva favorire l’immigrazione di talenti indiani. Ora la UE senza il Regno Unito potrebbe farcela, in fondo molti indiani sono ben preparati soprattutto in IT e per il settore socio-sanitario, competenze che molti paesi europei desiderano avere.

Newsletter

Commenti recenti
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 36 altri iscritti

corsi online
Corsi gratuiti online da fare ora per migliorare il vostro CV
Manhattan estensione
Il progetto per estendere Manhattan
Seven Sisters North Tottenham
Seven Sisters a Londra; cose da sapere su questa zona
queen anne's alcove
Conosci la Queen Anne's Alcove?
catherine parr casa
In vendita la casa della famiglia di una moglie di Enrico VIII
the anglesea arms
Il pub storico di Kensington frequentato da Dickens e DH Lawrence
caiy stane
Caiy Stane, lo strano masso di Edimburgo
english grammar in use
English Grammar in Use, vale la pena comprare questo libro di grammatica?
Untitled design - 2022-01-21T165908
Londra, Boris Johnson non intende dimettersi
1952521_stamp
Nuovo film sulla Principessa Diana al Sundance Festival
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Brexit. Tra diritto e politica
Bestseller No. 2 BREXIT
OffertaBestseller No. 3 Il Regno Unito alla prova della Brexit. Come sta cambiando il sistema politico britannico

Ultimo aggiornamento 2022-01-23 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: