Che cosa era Bedlam? E cosa ne rimane ora?

Bedlam o St Bethlehem’s Hospital era un manicomio esistente dal 1200. Esiste tuttora nella forma moderna a Bromley e si chiama Bethlem Royal Hospital ed è ancora specializzato in salute mentale. Il soprannome del manicomio ‘bedlam‘ ora significa in inglese confusione e casino.

Il primo ospedale si trovava a Bishopgate vicino alla parrocchia di St Botolph, nel posto esatto dove si trova ora la stazione di Liverpool Street. Oltre ai malati mentali l’ospedale ospitava anche i poveri. Era effettivamente il primo grande manicomio in Europa.

Le condizioni erano inumane e i pazienti venivano normalmente picchiati e torturati. Quando Enrico VIII dissolse i monasteri, Bedlam divenne parte della prigione di Bridewell che significò che il trattamento e le condizioni dei pazienti peggiorò notevolmente.

 

bedlamFoto: © Copyright Charles Thompson and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Nel 1675 si spostò in un nuovo edificio a Moorgate, all’entrata si trovavano due statue chiamate Madness e Melancholy che ancora si trovano ora al Victoria & Albert Museum e sono l’unica cosa rimasta di quel manicomio.

L’ospedale faceva i soldi vendendo biglietti di ingresso a chi voleva passare il tempo a guardare i malati, cosa che può sembrare strana ora ma allora era considerato un passatempo normale.

Il nuovo ospedale di Bedlam

Nel 1815 tutti i pazienti furono spostati a St George’s Field a Southwark. Se andate ora troverete ancora il balcone al Grand Union pub a Brook Street, costruito apposta per guardare i pazienti che giravano per i giardini.

Le condizioni erano migliori dei manicomi precedenti e dal 1851 ci lavoravano anche dottori, cosa che segna il passaggio dal manicomio tradizionale al concetto più moderno e medico di ospedale psichiatrico.

L’ultimo paziente lasciò l’ospedale nel 1930 e l’edificio riaprì nel 1936, ma questa volta come Imperial War Museum. Ora se visitate l’Imperial War Museum, fate un pensierino alla sua storia e a tutti i pazienti che ci sono passati.

rapporto

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

colloquio di lavoro su Skype

Come fare un colloquio di lavoro con Skype

Abito a Cambridge da oltre un anno