“Londra non e’ meglio dell’ Italia, e’ semplicemente meno peggio!”

 

paradeDa quanto tempo sei in UK e come ti trovi?

Da quasi sei anni. Mi trovo ok, non benissimo ma non posso neanche lamentarmi.

Che tipo di lavoro fai e come l’hai trovato?

Faccio l’insegnante alle scuole superiori. Praticamente una volta fatta l’abilitazione fai un po di application e un lavoro salta fuori! Il difficile e’ l’entrare nei corsi di abilitazione (specialmente per materie artistiche). Mi ha aiutato il fatto di aver studiato a Londra appena finito il liceo. Ho dovuto provarci per due anni e alla fine sono entrato grazie ad una persona che ha lasciato il corso dopo 1 settimana!
Non e’ un gran lavoro ma e’ sicuro.

Prima ho lavorato in un call center, niente di che.

Secondo te quali sono i principali lati negativi di Londra/UK?

Il costo della vita altissimo, gli affitti e l’ambiente lavorativo.
In generale nessuno ha mai tempo per le relazioni personali. La maggior parte della gente pensa a lavorare per guadagnare e spendere piu’ soldi cosi da far arricchire gli altri (ottimo modello capitalista suppongo!).
Ovunque ho lavorato c’era molta pressione, anche nel call center! Ora che faccio l’insegnate ricevo forse 50-60 email al giorno! La gente prende le cose troppo sul serio probabilmente non essendo in grado di pesare le priorita’.

Foto: © Copyright Christine Matthews and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.
Tutti si definiscono amici ma di questi non puoi considerare quasi nessuno un amico vero.

Un altro problema riguarda le cose pratiche, se si rompe qualcosa e se vi serve un muratore e’ un casino. Le case sono vecchie e malfatte. Poi qua tutti sono manager, ma nessuno sa fare niente specialmente quando ce da prendere decisioni. Ogni volta bisogna mandare mille e-mail!
In generale qua e’ tutto piu’ complicato. La gente vuole fregarti tanto quanto in Italia, semplicemente qua lo fanno sembrare regolare.

Se si pensa alla storia dell’ Inghilterra diciamo fino ai primi del novecento la cosa piu’ rilevante della loro storia e’ stata la rivoluzione industriale! Una cosa dove la gente fa la stessa cosa per 13-14 ore per lavorare e guadagnare! Secondo me questo e’ un punto su cui riflettere!
(Ps. non sono uno storico magari avrei potuto citare la magna carta o altre cose che ignoro, ma a me e’ sempre rimasta impressa la rivoluzione industriale.

Si potrebbe aggiungere anche il tempo, pero voglio dire se ti trasferisci a Londra o Berlino lo sai che non potrai avere il clima di Amalfi!!!

E quali sono i lati positivi?

I trasporti pubblici sono ottimi anche se cari.
Tante culture diverse, ho conosciuto persone da tutto il mondo. Tra l’altro a Londra ci sono un sacco di cibi etnici gustosissimi che non credo avrei mai provato in Italia.

Nel bene o nel male qui puoi trovare un lavoro. Provate a essere insegnante di ruolo in Italia a 25 anni!
Per essere una metropoli Londra e’ abbastanza sicura, anche le zone malfamate non sono cmq dei ghetti stile film americani!

Ce tanta polizia delle volte credo anche troppo o cmq piu’ di quanto sia necessaria pero a me questo piace.

Ci sono tanti concerti e cose interessanti da fare delle volte anche gratis.
I vestiti credo costino meno! Ma non ci giurerei, pero se venite da una piccola realta’ qua sicuramente troverete vestiti piu’ cool!

Se dovessi rifare tutto verresti ancora a Londra/UK?

Beh sono cresciuto molto, diciamo che sono partito bambino e ora sono quasi un uomo, ho 25 anni. Fossi stato in Italia sarei ancora un bambino, che in fin dei conti mi renderebbe forse piu felice.

Pero’ nella vita si deve pur far qualcosa quindi probabilmente lo rifarei. Londra non e’ meglio dell’ Italia e semplicemente meno peggio!

Ritorneresti in Italia?

Se fosse possibile si, ma non credo lo sara’. Se tornassi in Italia non vorrei andare a vivere a Milano, Torino e vedo molto difficile trovare un lavoro in Calabria.

In piu’ convivo con una donna non italiana e quindi sarebbe difficile per lei trasferirsi con me.

Potrei valutare l’idea di lavorare in scuole britanniche all’estero tipo in paesi africani o dell’ Asia.

Che consigli daresti a chi sta pensando di trasferirsi a Londra/UK?

Di avere un idea precisa, che poi si puo’ anche cambiare, non importa; ma serve un obbiettivo altrimenti ti ritrovi a fare lavori mal pagati e a stare peggio di come stavi in Italia.

Se siete studenti, conviene studiare qua. Vi laureate molto piu’ velocemente (e forse anche facilmente) e poi a parita’ di titoli si preferisce sempre uno che ha studiato in Inghilterra rispetto a uno che ha studiato in Italia.

Vi servira’ un buon budget iniziale e non affittate mai una casa dall’ Italia. Meglio spendere qualche soldo in piu’ in albergo che andare alla ceca.

Se  abiti in UK e vuoi anche tu raccontare la tua esperienza puoi compilare questo breve questionario

Se vuoi  sapere come trovare lavoro a Londra, leggi le nostra sezione sul lavoro con centinaia di articoli[/box]

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, per nostra politica pubblichiamo le opinioni di tutti

rapporto

Scritto da admin

Autore per pagine generiche e di informazione

mangiare a bayswater

Quanti sono i poveri a Londra?

“La competizione a Londra è feroce”