Luisa, psicologa a Londra, parla degli estremi della metropoli

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito?

2014

Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?

Il posto di lavoro mi ha aiutato

Come hai cercato lavoro?
LinkedIn

 Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?

Trovato dall’Italia

Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?
Esperienza di psicologa, laurea, corsi vari e specializzazioni

Foto: © Copyright Ben Gamble and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?

Molto buono

Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?

Psicologa

Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi?

Posso dire interessante, ma credo di aver preso tutto quello che questa metropoli può darmi in termini di esperienza e sto pianificando di andarmene. Non in Italia, voglio però una qualità di vita migliore.

Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?
Londra offre molto…ma non a tutti. Un concetto che ormai dovrebbero avere capito tutti. A Londra si trovano tra i più ricchi e tra i più poveri d’Europa, queste metropoli così hanno sempre estremi pazzeschi…esilaranti si ma per il ventenne che può tornare a casa dalla mamma. per i 40enni che vivono in un metro quadrato di stanza non poi tanto.

Esilarante per il professionista che guadagna 80k all’anno senza alcun dubbio…per il commesso che col contratto a zero ore si porta a casa lorde 1000 sterline e paga 700 solo di affitto per una stanza, non tanto esilarante.

 Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?

Partire solo per un’esperienza breve di un anno o qualcosa, oppure con un CV dell’altro mondo o idea di lanciarsi da imprenditori, artisti o musicisti. Per chi sta nel mezzo, non è un genio, non ha niente di speciale da dare e non ha 20 anni, lasciate perdere, veniteci solo in vacanza. Almeno vi rimarrà sempre il ricordo bello di Londra.

 

 

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Partecipa anche tu!

Rispondi

Commenti recenti
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Italian-English Bilingual Visual Dictionary with Free Audio App
Bestseller No. 3 Complete Italian Step-by-Step

Ultimo aggiornamento 2022-01-16 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Nic da 12 anni in Inghilterra non pensa di tornare in Italia
Esperienze di italiani che lavorano come designer nel Regno Unito
Sax racconta la sua esperienza di manager di ristorante e hotel
Cosa vuol dire fare la “ragazza alla pari”?
Gianfranco scrive che gli italiani a Londra fanno sacrifici che non farebbero in Italia
Marketing a Londra; testimonianze di italiani che ci lavorano
Sono barista in un coffee shop
"Londra è una città ideale per i bimbi"
Michele consiglia di trovare lavoro nella City di Londra e ne spiega i motivi
Luisa scrive che gli italiani hanno creduto alla 'fiaba Londra' troppo a lungo
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: