Londra, ora i britannici non vogliono più la Brexit

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Quasi tutti i sondaggi recenti mostrano il cambiamento di tendenza con una piccola maggioranza che vuole tornare nella UE.

I motivi sono vari, prima di tutto la Brexit non è stata proprio un grande successo fino ad ora. I trattati di libero scambio che dovevano arricchire il paese non si sono materializzati, manca il personale in quasi tutti i settori, i britannici non hanno più accesso a programmi positivi come Erasmus e alle leggi delle protezioni ai consumatori. Il governo appena fuori dalle leggi UE ha legalizzato lo scarico di fognature nei fiumi e mari. Ha poi dovuto fare retro marcia visto la rabbia pubblica, ma ciò ha mostrato le intenzioni vere del governo.

Quelli che pensavano che il sistema sanitario sarebbe migliorato se il Paese non deve dare soldi alla UE e non deve curare le file di europei che vengono qui APPOSTA per avere cure mediche, si stanno rendendo conto che gli europei non erano i pazienti, ma piuttosto il personale. Regioni povere come la Cornovaglia a cui erano stati promessi mari e monti hanno scoperto che per ogni 50 milioni che prendevano dalla UE avranno solo 1 milione dal governo britannico e quindi saranno ancora più povere.

Diciamo però che chi legge solo un certo tipo di giornale, come The Daily Express o The Sun, è probabilmente ancora ignaro di tutto questo, crede ancora che la Brexit sia stata un successo enorme e Boris Johnson un eroe del popolo.

Esiste però un altro motivo per i risultati di ora. Molti che hanno votato per la Brexit erano anziani e piano piano stanno morendo. Diventano però maggiorenni i giovani che sono 77% a favore di far parte della UE. Inoltre esiste tutta la fascia di persone che non ha votato al referendum, perchè non si era interessato, non vota o aveva da fare e in questa fascia ben 80% sono contro la Brexit e lo sono sempre stati. Se avessero votato avremmo avuto un risultato diverso.

Ora abbiamo quindi un 53% che vorrebbe ritornare nell’Unione Europea, però non hanno un partito che li rappresenta, visto che tutti i partiti hanno preferito fare il volere del 51,9% della popolazione che ha votato il 26 giugno 2016 e appoggiare la Brexit. Anche se due nazioni su quattro (Scozia e Irlanda del Nord) avevano votato per rimanere, la classe politica e il governo in particolare ha preferito scegliere la linea più dura possibile per la Brexit, anche se danneggia il Paese e i suoi abitanti.

Una cosa è sicura, la questione Brexit non termina qui.

Newsletter

London Routemaster double decker red bus
London Transport Museum al Covent Garden
Untitled design (24)
Londra, attese decisioni del governo per restrizioni contro Omicron
Untitled design (22)
Londra, tagli di posti di lavoro alla metropolitana e altri scioperi in vista
Untitled design (21)
Il Connaught Bar di Londra con Agostino Perrone ancora il miglior bar del mondo
aldwych
Aldwych Theatre a Londra
garden museum
Londra sconosciuta: Garden Museum
Untitled design (18)
Londra, dai primi dati sembra che Omicron sia super contagioso
hogarth
Mostra su Hogarth e l'Europa alla Tate Britain
I negozi di soho
Universal Works, negozio di abbigliamento maschile a Soho
guida a soho a londra
Soho a Londra, la guida completa al famoso quartiere
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Brexit. Tra diritto e politica
Bestseller No. 2 BREXIT
OffertaBestseller No. 3 Brexit - The Uncivil War (Dvd) ( DVD)

Ultimo aggiornamento 2021-12-08 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: