parchi di londra (32)

Londra, parlamento vota per infrangere trattato con la UE

La legislazione di Boris Johnson per eliminare parti del Protocollo dell’Irlanda del Nord è passato dalla Camera dei Comuni.

Nonostante le critiche di alcune persone, il disegno di legge è passato con un voto di 295 contro 221. Ora deve passare ad un altro scrutinio e poi alla Camera dei Lord.

Tra i suoi oppositori c’è anche Theresa May che ritiene che il piano è illegale e creerebbe una guerra commerciale con la UE, l’ultima cosa di cui il paese ha bisogno ora, con un’economia che sta affondando.

Il protocollo che il governo di Boris Johnson vorrebbe eliminare, regola gli accordi commerciali dell’Irlanda del Nord dopo la Brexit, è stato concepito per impedire il ritorno di un confine fisico con la Repubblica d’Irlanda.

Ma questo significa che alcune merci esportate dalla Gran Bretagna continentale all’Irlanda del Nord sono soggette a controlli doganali, creando problemi per alcune imprese e facendo arrabbiare gli unionisti che praticamente stanno impedendo al governo dell’Irlanda del Nord. Per fare contenti gli unionisti il governo è disposto a infrangere leggi internazionali. Gli unionisti che sono rappresentati dal partito DUP che è cristiano piuttosto fondamentalista e vuole eliminare i diritti LGBTQ, Darwin, l’aborto e il divorzio. Sono però per la pena di morte e quindi molto simili ai cristiani fondamentalisti americani. Non tutti sono entusiasti che il paese stia per infrangere leggi internazionali e quindi a rischio di sanzioni principalmente per il ricatto di un gruppo di estremisti religiosi.

Dal punto di vista della UE è che dal Regno Unito all’Irlanda entrerebbe merce di scarsa qualità dalla Cina e altri paesi che non è permessa nella UE. Se la cosa dovesse succedere l’Irlanda teme che la UE metterà una frontiera tra il continente e l’Irlanda che potrebbe rovinare l’economia irlandese.

Indipendentemente dalle opinioni politiche o da ciò che si pensa della UE, quello che sta per fare il governo britannico è illegale. Il trattato era stato firmato da entrambi le parti e non dovrebbe essere cambiato unilateralmente. Tutti i legali interpellati hanno dichiarato che sarebbe illegale farlo, tranne i legali che lavorano per il governo che ritengono che possono usare una clausola che continuare il protocollo è impossibile, cosa non proprio vera. Se tutto ciò non dovesse bastare, ora il governo si ritiene anche fiero di infrangere il trattato, perchè farlo dimostrerebbe che è patriottico.

Rispondi

Torna su