Londra, presto si ritorna a viaggiare ma ci saranno regole

Forse dal 17 maggio si ritorna a viaggiare all’estero,  questo verrà confermato tra tre settimane. Ma è sicuro che ritornerà il sistema di semafori per indicare quali paesi si possono visitare. 

Inoltre il governo vorrebbe creare un sistema di passaporti o certificazioni che mostrano di essere stati vaccinati per viaggiare all’estero o visitare il Regno Unito

 

Ovviamente visto che i numeri dei contagi sono scesi moltissimo da gennaio il governo non vuole far rientrare il virus o una sua variante dall’estero.  Oltre sei milioni di persone hanno ricevuto sia la prima vaccinazione che il richiamo e la campagna di vaccinazione prosegue a vele spiegate. 

Con il sistema a semafori i paesi esteri saranno divisi in verdi, gialli e rossi. La quarantena richiesta (a casa o in hotel) e il numero di tamponi da fare dipende dal colore del paese che si visita e da dove si parte. 

I fattori nella valutazione della categoria di un paese includeranno la percentuale della popolazione che è stata vaccinata, il tasso di infezione, la prevalenza di varianti che destano preoccupazione e l’accesso del paese a un sequenziamento genomico affidabile. Il governo ha anche detto che non esiterà a cambiare categoria con poco preavviso, se necessario.

Questo rende difficile pianificare una vacanza. Per esempio, potrei partire per andare due settimane in Italia quando si trova nella categoria gialla che richiede solo 5 giorni di quarantena a casa propria. Cosa che posso fare lavorando da casa. Ma mentre sono in vacanza in Italia il governo sposta l’Italia nella categoria rossa il che significa che al ritorno mi devo fare 10 giorni di quarantena in albero a mie spese. E sono £1750 a testa, non posso scegliere l’hotel e non posso uscire dalla stanza. 

Quindi fino a quando la campagna di vaccinazioni in Italia non raggiunge numeri alti, diventa difficile pianificare una vacanza nel Belpaese. 

Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Commenta

You may also like