Londra, prima settimana di Brexit, ecco i primi problemi

Anche se, in parte anche per il lockdown, quasi nessuno se ne accorge, ci sono stati numerosi problemi durante la prima settimana della Brexit. Tanto che rappresentanti dell’industria hanno chiesto al governo di ritornare a trattare per avere un accordo migliore.

Tra i problemi maggiori abbiamo:

Ritorna la finanza dopo le feste e le azioni delle società europee non possono essere più trattate a Londra dove normalmente venivano comprate e vendute. Le operazioni sono andate principalmente a Parigi ed Amsterdam.

Il governatore della Bank of England, la banca centrale britannica, ha detto a una commissione parlamentare che l’accordo sulla Brexit costerà all’economia britannica circa il 2% del prodotto interno lordo.

Gli allevatori di salmone in Scozia si sono lamentati dei ritardi delle loro consegne in Europa. Secondo loro ci sono troppe pratiche burocratiche da fare. Si lamentano anche del fatto che hanno da tempo cercato di avvertire il governo britannico di questi potenziali problemi, ma sono stati ignorati. 

DPD, che consegna in tutto il mondo, ha deciso di non inviare pacchi dalla Gran Bretagna all’Unione Europea e vice versa fino a quando non capisce come funziona la nuova burocrazia doganale. 

 Marks & Spencer ha avuto problemi a portare le sue insalate fresche e altri cibi preparati attraverso la Manica ai suoi negozi in Francia, lasciando alcuni scaffali vuoti nei suoi store europei. 

Ovviamente sappiamo solo dei problemi dei nomi grossi, non sappiamo ancora quante aziende di piccole e medie dimensioni abbiano ora problemi ad importare ed esportare. Sappiamo che ora però se si vuole mandare un pacco in Italia bisogna per forza fare una dichiarazione doganale, possiamo immaginare che una piccola azienda deve affrontare altri costi per poter continuare a vedere in Europa. 

Bestseller No. 1
Brexit. Tra diritto e politica
  • Fabbrini, Federico (Author)

Ultimo aggiornamento 2021-01-16 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

  • Scritto da Daniela Mizzi

    Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

    Annie Lennox canta il Lamento di Didone per il pianeta

    La statua che si muove a Londra