la prigione di Mashalsea

In questo caso bisogna proprio dire, fortunatamente scomparsa. Infatti prigione di Marshalsea era la prigione dei debitori e dei traditori cattolici. Aperta nel 1300 occupava due edifici in quella che ora si chiama Borough High Street e fu chiusa nel 1842.

prigione di MarshalseaLe condizioni erano paurose, in teoria chi poteva permetterselo poteva frequentare il bar della prigione e anche uscire, ma la maggioranza era in galera per debiti e quindi erano rinchiusi in cella per anche decenni.

Nel 1729, 300 persone morirono nel giro di pochi mesi nella prigione di Marshalsea, e in media 2 o 3 morivano ogni giorni, di più quando faceva caldo, con la mancanza di finestre il clima diventava insopportabile.

John Dickens

creditori, il 20 febbraio 1824 John Dickens fu imprigionato nella prigione di Marshalsea Prison per debito (in base all’Insolvent Debtor’s Act of 1813),

La prigione di Marshalsea era privata e i prigionieri dovevano pagare la permanenza.  Soprattutto nei casi dei debitori l’intera famiglia veniva imprigionata, ci sono stati casi di bambini nati in prigione e morti in prigione.

Mercato di Borough: cose da non perdere

Il fatto che dovevano pagare per stare in prigione vuol dire che i pochi soldi che potevano fare lavorando in prigione ritornavano alla prigione stessa, mentre i loro debiti esterni aumentavano. Si trovavano quindi in un circolo vizioso che terminava solo con la morte.

Immagine:By Gaols Committee [Public domain], via Wikimedia Commons

Molti debitori se incapaci di pagare venivano anche torturati e puniti. Ai prigionieri veniva dato da mangiare solo tre volte alla settimana.  Centinaia di persone morirono di fame all’interno della prigione.

Dickens e la prigione di Marshalsea

Nel 1812 la vecchia Marshalsea Prison chiuse  e riaprì in un edificio nuovo che si trovava vicino, sempre a Borough. La nuova prigione fu descritta bene da Charles Dickens nel libro Little Dorrit. Dickens conosceva bene Marshalsea Prison, infatti il padre e la famiglia furono imprigionati per tre mesi per debito.

Oltre a Dickens, anche il commediografo Ben Johnson, amico di Shakespeare fu imprigionato qui per aver scritto una commedia ritenuta non appropriata, The Isle of Dogs, della quale non rimangono copie.

Della prigione ora rimane solo un muro.

Altre cose storiche da scoprire

Immigrati a Londra: Sir Lawrence Alma Tadema (pittore)

Continuiamo la serie di immigrati a Londra che hanno avuto successo e oggi parliamo invece di un pittore che diventò per qualche anno il pittore più ricercato e pagato nel Regno Unito. Nato nel 1836 in Olanda Alma-Tadema si trasferì a Londra nel 1870 dove visse per il resto della sua vita. Alma-Tadema dipingeva in […]

0 comments
Waltham Abbey

Waltham Abbey, uno dei tanti segreti di Londra

L’abbazia di Waltham Holy Cross e St Lawrence o semplicemente Waltham Abbey esiste come luogo di preghiera da quasi 1500 anni. La prima chiesa era in legno e di essa rimangono solo frammenti. L’abbazia attuale è  un ottimo esempio di architettura normanna e risale al 1100. Nel medievo era una grande abbazia e un luogo […]

0 comments

Londra sconosciuta: St James’ Piccadilly (e concerti gratuiti)

Probabilmente siete passati davanti a questa chiesa tante volte senza farci caso. Si fa notare per alcune cose, prima di tutto è una delle tante chiese costruite da Christopher Wren, l’architetto della cattedrale di St Paul’s, ma la chiesa è anche famosa per i suoi concerti gratuiti che si tengono all’ora di pranzo o quelli serali che […]

0 comments