Sicuramente conoscete benissimo il London Trocadero,  si trova infatti in un punto centralissimo in un palazzo in angolo tra Shaftesbury Avenue e Coventry Street proprio a fianco di Piccadilly Circus. Questo palazzo ha una lunga storia come potete scoprire qui sotto.

Il London Trocadero fu costruito nel 1882 come  music hall chiamato Trocadero Palace, nel 1896 aprì un ristorante Lyons (il manager era il bisnonno del giornalista George Monbiot) e crearono un locale magnifico diventato famoso per i suoi ornamenti.

Nel 1901 aprì il bar chiamato Long Bar famoso per i suoi marmi in stile neoclassico. I locali continuarono ad esistere, nonostante due guerre mondiali e i cambiamenti delle mode, ma nel 1965 finalmente chiusero i battenti. Per quasi 20 anni il palazzo rimase abbandonato, cosa che sembra incredibile ora quando ogni centimetro di Londra centro viene utilizzato in qualche modo.

La lunga storia del London Trocadero

Nel 1984 il Trocadero fu riaperto come posto di intrattenimento vario, ovvero una tipica trappola per turisti. Per chi se lo ricorda c’era infatti una mostra dedicata al Guinness Book of Record (ci sono stata ed era poco memorabile), una grande sala giochi chiamata Segaworld, un cinema, una scala mobile spaziale e una mlondon trocaderoiriade di negozi di dolciumi, tshirts, souvenirs e cose generalmente inutili.

Foto: © Copyright Richard Law and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Il palazzo del London Trocadero fu poi acquistato nel 2005 da un investitore straniero, l’idea era quella di fare un hotel centralissimo con le stanze minuscole o pods in stile giapponese. Nel frattempo, piano piano molte parti del LondonTrocadero chiusero, il Guinness dei primati non esisteda anni, ma il cinema ha chiuso solo nel 2013.

Ora si parla che nel palazzo rimarranno un grande TK Maxx il negozio di abbigliamento economico. Come in tante altri parti del centro di Londra, le cose cambiano in continuazione, se non ci andate per due anni, quando ci ritornate troverete tutto diverso. Qualunque cosa decidano di fare dovranno però mantenere la facciata originale del palazzo che è ufficialmente protetta.