cimitero di Kensal GreenOggi facciamo una visita veloce al cimitero di Kensal Green.

Il primo dei grandi cimiteri vittoriani a scopo commerciale, aperto nel  1833 in 54 acri di terreno nel nord di Londra (ora sono 72), del quale solo 39 acri erano consacrati, i rimanenti erano riservati ai non credenti o non anglicani.

Il cimitero di Kensal Green fu costruito su piani di Sir John Dean Paul che volle uno stile greco classico, mentre altri avrebbero preferito lo stile neo-gotico, tanto in voga in quegli anni.

Infatti anche ora per entrare nel cimitero bisogna passare sotto un arco dorico.  Il cimitero era molto moderno per i tempi, infatti le tombe più in alto potevano essere raggiunti con una specie di montacarichi idraulico. Il cimitero ora ha una serie di mausolei, obelischi  e sculture che lo rendono forse uno dei più interessanti da visitare.

Foto: © Copyright Rodney Burton and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Prima di allora i ricchi si facevano seppellire nei cimiteri delle chiese, i poveri invece nelle fosse comuni. Con l’aumento della popolazione a Londra divenne necessario trovare una soluzione.

Il primo personaggio importante a venire seppellito al cimitero di Kensal Green fu uno dei figli del re Giorgio III, Augustus Frederick nel 1843, 5 anni dopo la sorella Sophia si fece seppellire allo stesso cimitero.

Questo diede un certo prestigio al cimitero e da allora anche i ricchi e gli aristocratici cominciarono a farsi seppellire qui e non nelle chiese. L’anno dopo fu seppellito anche l’architetto Marc Brunel, creatore del tunnel sotto il Tamigi,  seguito dieci anni dopo dal grande Isambard Kingdom Brunel. Seguono poi altri grandi dell’era vittoriana come W.M. Thackeray lo scrittore di Vanity Fair,  il matematico Charles Babbage e gli scrittori Wilkie Collins e Anthony Trollope.

Chi si trova sepolto al cimitero di Kensal Green?

Foto: © Copyright John Sutton and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Si trovano anche le tombe dell’italiano Gaetano Bartolozzi che era un intagliatore in legno ma cosí appassionato di scherma  e musica che si dimenticò di lavorare e morì povero. Ma sua figlia Lucia Elizabeth Vestris divenne un’attrice famosa nel 1800. Emile Blondin invece era un funambolo francese che attraversò le cascate del Niagara, morì di diabete nella sua casa di Ealing chiamata appunto Niagara House.

Non perdete la strana tomba (facile da vedere è enorme!)  in stile egizio di Andrew Ducrow morto nel 1842, si dice potesse sollevare 5 bambini solo con i denti e fosse bravo ad ammaestrare i leoni. Vicino trovate anche la tomba di Harold Pinter, il noto commediografo e premio Nobel scomparso nel 2008.

Parlando dei personaggi  interessanti che si trovano seppelliti a Kensal Green Cemetery non possiamo dimenticare il generale James M. Barry, quando la salma fu preparata per la bara, scoprirono che era in effetti una donna e che la M. del nome era Miranda. Oltre ad essere la prima donna a diventare un generale, Miranda Barry era anche un medico e quindi la prima donna britannica a diventare dottore. Su Wikipedia troverete la sua biografia in italiano e il mistero della sua sessualità.

La parte est del cimitero è un giardino per le api e le farfalle, 33 specie diversi di uccelli vivono nel cimitero.  Il cimitero è ancora in uso, specialmente l’ala ovest. Una parte di terreno è stata acquistata e consacrata nel 2008 dalla Chiesa Cristiana Ortodossa di Londra.  Il cimitero ha anche un crematorio aperto nel 1939.

Dopo un periodo di degrado negli anni ’70 e ’80 ora il cimitero è di nuovo curato da un’organizzazione chiamata Friends of Kensal Green Cemetery. Il Kensal Green Cemetery si trova sulla Harrow Road aperto tutti i giorni fino all’imbrunire, ingresso gratuito.

 

Londra sconosciuta: I segreti del Cleopatra’s Needle