the barrier block

The Barrier Block, Brixton

Il Barrier Block è un grosso condominio popolare costruito alla fine degli anni ’70. Faceva parte di un grosso progetto mai realizzato che prevedeva la costruzione di un autostrada proprio di fianco all’edificio. Per questo motivo, le finestre sono piccolissime per proteggere gli abitanti dal rumore e dalle esalazioni. Questi appartamenti non furono molto ben accetti, infatti il comune faticò a trovare famiglie che volevano abitarci e si riempirono di squat.

Foto: © Copyright Stephen Craven and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Anche se viene normalmente chiamata The Barrier Block, il suo nome ufficiale è Southwyck House. Finita nel 1981, il suo architetto era Magda Borowiecka, nata nel 1931 e arrivata dalla Polonia nel 1941, una dei pochi architetti donne allora. Il motivo della costruzione, un po’ reminiscente degli edifici dei paesi dell’est comunisti, non ha niente a che fare con il fatto che l’architetto era una polacca. Aveva lasciato la Polonia da bambina, prima della fine della Seconda Guerra Mondiale e quindi non poteva far parte della scuola di architettura del regime comunista. Se la costruzione è così è semplicemente per il fatto che doveva proteggere gli abitanti dall’autostrada vicina. Usando questi criteri aveva fatto un buon lavoro, anche se sembra che a lei stessa l’edificio non piaccia proprio.

Negli anni ’90 questo edificio era spesso preso come simbolo del degrado urbano, viene ancora spesso scambiato per la prigione di Brixton.   Ultimamente hanno aggiunto portinerie e telecamere e tagliato gli alberi attorno per rendere il quartiere più sicuro.

Rispondi

Torna su