Londra, studio trova che Astra Zeneca è meno efficace contro variante Delta

 

Uno studio recente dell’Imperial College di Londra ha riscontrato che il vaccino Astra Zeneca è tre volte meno efficace dei vaccini di altre marche come Pfizer.

Coloro che hanno ricevuto un vaccino Astra Zeneca hanno 3 volte più probabilità di contrarre il virus. Praticamente chi ha fatto la vaccinazione Astra Zeneca ha il 55% meno probabilità di avere sintomi della variante Delta, mentre chi ha fatto Pfizer o Moderna ha 88% di probabilità in meno. Ovviamente ci sono molte variabili come la condizione fisica della persone, età, sesso e quando hanno fatto il vaccino.

Le brutte notizie sono quindi che chi ha fatto due vaccinazioni Astra Zeneca potrebbe non essere immune al COVID, a differenza di chi ha fatto Pfizer che è quasi certamente immune alla variante Delta. Certo ancora non ci sono tutti i dati sulla variante Delta, ma è certo che Astra Zeneca è meno efficace.

Questo potrebbe spiegare anche come mai la variante Delta sta contagiando tanta gente nel Regno Unito. Infatti non sono solo coloro che non sono vaccinati che si ammalano e a volte devono andare in ospedale, ma anche chi ha fatto la vaccinazione e il richiamo. Ovviamente i vaccinati con Astra Zeneca sono in parte protetti, ma non completamente. Il Regno Unito aveva cominciato subito a vaccinare con Astra Zeneca e quindi ha una percentuale più alta di vaccinati con questa marca che altri paesi europei.

Questo fa sembrare la decisione di riaprire tutto da lunedì e togliere l’obbligo di indossare le mascherine ancora più assurdo.

OffertaBestseller No. 1
PRIMA Home Test Primacovid Covid-19 Serological Test, Self Test Per La Rilevazione Qualitativa Di Anticorpi Igg Ed Igm Contro Sars-Cov2 In Campioni Di Sangue Intero Umano - 21 g
  • Test Sierologico
  • Risultato in 10 minuti
  • Eseguibile in qualsiasi momento della giornata e a casa propria
  • Per sapere se la persona sottoposta al test è stata esposta al virus responsabile del COVID-19
  • Indica la presenza di anticorpi IgG e IgM nel sangue in caso di avvenuta esposizione al virus, e quindi l'eventuale sviluppo della malattia COVID-19

Ultimo aggiornamento 2021-07-17 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Commenta

You may also like