Londra, trasporti tornati alla normalità, ma spesso senza mascherine

Era prevedibile che sarebbe andata in questo modo, dal momento che il governo ha tolto l’obbligo di indossare le mascherine, molti non lo fanno anche dove e quando dovrebbero.

L’esempio più lampante è la metropolitana di Londra, Sadiq Kahn il sindaco, ha cercato di mettere l’obbligo di indossare la mascherina quando si viaggia sui treni o sugli autobus. Non essendoci l’obbligo legale, molti non la mettono  e quindi ci troviamo nella situazione ridicola di avere treni come scatole di sardine con un buon numero di persone senza mascherina.

Il sindaco chiede nuovamente al governo di rimettere l’obbligo delle mascherine nei locali e posti al chiuso oppure di fare una legge apposta per Londra, in modo che il personale dei trasporti può chiedere aiuto alla polizia. Ora, possono solo chiedere ma non hanno nessun potere. Inoltre, il personale se ricorda a qualcuno di mettere la mascherina rischia pure di venire insultato.

Lo stesso vale per negozi e supermercati, si certi hanno tenuto l’obbligo di tenere la mascherina ma devono praticamente affidarsi alla responsabilità dei clienti. A livello legale, un negozio può vietare l’ingresso a chi desidera, ma cercare di buttare fuori tutti coloro che non hanno la mascherina significherebbe mettere il personale in una situazione stressante e potenzialmente pericolosa.

Il supermercato Sainsburys vorrebbe che i clienti indossassero una mascherina, ma durante una mia visita domenica scorsa, solo forse il 20% della gente aveva la mascherina. Il supermercato era anche piuttosto affollato.

Rispondi

Torna su