Ultime Notizie

Londra, visti per suonare, molti sono scontenti

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Boris Johnson vorrebbe stare al governo almeno 10 anni, pensi che ci riuscirà?

Molti personaggi della cultura e spettacolo cominciando da Thom Yorke hanno condannato la decisione del governo britannico di rifiutare l’offerta della UE per un accordo che eliminava di bisogno di richiedere un visto per suonare nella UE.

Questo significa che i musicisti britannici devono richiedere un visto per ogni paese UE in cui intendono suonare. Il che diventa impossibile per i giovani musicisti con poche risorse e soldi. 

Un rapporto esclusivo sul quotidiano britannico The Independent ha rivelato che una proposta della UE che eliminava il bisogno di chiedere visti  è stata rifiutata per il semplice motivo che avrebbe richiesto che anche i musicisti europei potessero suonare senza pagare per visti e altra burocrazia. 

Purtroppo il ministro degli Interni Priti Patel che è molto intransigente per le questioni di immigrazione ha preferito che i musicisti britannici perdino diritti che permettere a musicisti europei di suonare nel Regno Unito senza dover chiedere un permesso.

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

LondraNews
Londra, addio a Brick Lane come la conosciamo ora
34741156_medical-healthcare-nurse-holding-coronavirus-covid-19-swab-test
Dal 4 ottobre il nuovo sistema di quarantena per arrivare nel Regno Unito
LondraNews
Londra, in vendita a Kensington la casa più sottile
Copy of Untitled (1)
Posti da visitare nel Gloucestershire ora (e come arrivarci)
lavoro
Offerte di lavoro con visto per lavorare a Londra e UK
Torna su