Mi reputo soddisfatta della mia esperienza lavorativa qui a Londra
Mi reputo soddisfatta della mia esperienza lavorativa qui a Londra

soleautunnpIn cosa sei laureato?

Relazioni internazionali (triennale)

Quanta esperienza avevi prima di venire a Londra?

 

  • Piu’ di un anno

 

Come parlavi inglese prima di venire a Londra?

 

  • Perfettamente

 

Da quanto tempo sei a Londra?

Un anno e mezzo

Che lavoro stai facendo e come hai fatto a trovarlo?

Appena arrivata a Londra ho lavorato come commessa in due negozi, dopo alcuni mesi sono stata presa in un’azienda che si occupa di online marketing. Ho risposto ad un annuncio su Reed, ho fatto 2 colloqui e mi hanno presa.

Secondo te vale ancora la pena venire a Londra con una laurea e perche’?

Dipende molto dal settore. La mia laurea non c’entra niente con quello che sto facendo, ma è grazie all’esperienza professionale accumulata in Italia tramite stage e lavori o collaborazioni se sono riuscita a trovare qualcosa che mi interessava qui a Londra. Nel settore della comunicazione conta un po’ l’esperienza precedente, e un po’ anche l’iniziativa individuale e la creatività, la laurea da sola credo che aiuti ben poco. In questo caso, ovvero se non si ha molta esperienza professionale alle spalle, il mio consiglio è di venire a Londra con un po’ di risparmi e fare uno stage (spesso non retribuito, ahimè). Ci sono poi altre figure professionali, come architetti, ingegneri, informatici, medici, che sono molto richieste e per le quali la laurea nel settore è quasi sempre fondamentale, se poi è accompagnata da qualche esperienza lavorativa (anche in Italia) meglio ancora. Ci sono poi altre categorie, come gli avvocati o gli psicologi, per le quali la situazione è un po’ più delicata: a meno che non si venga qua per studiare o frequentare un master o un dottorato nel settore, il riconoscimento delle qualifiche non è immediato. E’ quindi difficile dare una risposta netta a questa domanda, posso dire che, in generale, se una volta arrivati a Londra non si riesce a trovare subito il lavoro “dei sogni”, bisogna darsi da fare e cercare di migliorare le proprie competenze attraverso corsi di formazione o tirocini . E’ un bel sacrificio, ma qui il duro lavoro porta quasi sempre a qualcosa. A prescindere dalla laurea, la conoscenza della lingua inglese deve essere ottima: farfugliare di una conoscenza “basic” o “scolastica” della lingua inglese è l’equivalente di non sapere un tubo, quindi lasciate perdere e mettetevi sotto con un bel corso intensivo. Se uno provasse a trasferirsi in Italia senza sapere l’italiano cosa gli direste? Ok che Londra è un mondo a parte, ma è inconcepibile trasferirsi qui senza sapere una parola d’inglese, una lingua che ormai il mondo intero dà per scontata!

Racconta in breve la tua esperienza lavorativa a Londra

Al momento mi reputo soddisfatta della mia esperienza lavorativa qui a Londra: sia lavorando come commessa in due grandi catene, l’anno scorso, sia come marketing executive, da un po’ di tempo a questa parte, ho avuto la prova che lavorando bene e seriamente si possono raggiungere ottimi risultati… e promozioni! Inoltre, quello che mi rende davvero felice è che c’è sempre la possibilità di imparare moltissimo e di migliorarsi giorno dopo giorno: i datori di lavori ti chiedono quali sono i tuoi obiettivi, cosa vorresti diventare, qual è il ruolo che vorresti ricoprire un giorno, etc. Bisogna lavorare sodo tutti i giorni, perché sì che non mancano bonus, commissioni, etc,, ma si licenzia anche mooolto facilmente e velocemente!

 

 

Sei un laureato a Londra e vuoi raccontare la tua esperienza a Londra?

Puoi farlo qui in forma anonima(se vuoi firmare la tua testimonianza, scrivi il tuo nome alla fine che lo pubblicheremo)

Commenta