mount shasta

Monte Shasta in California, posto di misteri e leggende

Situato nella punta meridionale della Catena delle Cascate, il Monte Shasta è un’enorme vulcano dominante che, a quasi 4321 metri, è la quinta montagna più alta della California. Il vulcano dormicchia ma è potenzialmente attivo. Il monte Shasta ha eruttato in media ogni 600 anni, ma negli ultimi 4.500 anni il vulcano ha eruttato in media ogni 800 anni.

  La tradizione dei nativi americani della tribù Klamath racconta di come, migliaia di anni fa, fu combattuta una potente e turbolenta battaglia tra Llao, la divinità degli Inferi, e Skell, il dio dei cieli dei Klamath. Secondo il folklore, Llao trovò una via d’uscita dal terribile mondo sottostante attraverso un portale sul Monte Mazama (anch’esso sulla Catena delle Cascate) e riuscì a viaggiare verso le stelle, dove dimorava Skell. I due impegnarono in uno scontro aperto e ostile. Di conseguenza, quando Llao tornò a Mazama, così fece anche Skell, discendendo dai cieli al monte Shasta. Cominciò allora una guerra spaventosa. La natura distruttiva e fragorosa del conflitto tra gli dei portò all’eruzione del monte Mazama, che creò quello che oggi è conosciuto come Crater Lake. Tutto vero ovviamente. 

La leggenda Hopi racconta di una razza di persone simili a lucertole che costruì 13 città sotterranee lungo la costa del Pacifico migliaia di anni fa, una delle quali, si dice, esista nelle profondità delle viscere cavernose del Monte Shasta.

parchi di londra 83

Poi ci sono gli indiani Miwok e Siskiyou, il cui folklore sostiene entrambi che una razza di persone invisibili, piuttosto che gente di lucertole, vaga per l’area, sia sopra che sottoterra.

Il monte Shasta ha anche il suo Bigfoot. Fece notizia locale il 9 settembre 1976, pochi giorni dopo che la cosa maleodorante era stata vista nei pressi di Cascade Gulch, che si trova alle pendici del leggendario monte. 

Più di un secolo fa, i coloni italiani, che si erano trasferiti negli Stati Uniti e avevano lavorato nei campi della muratura in pietra, posero le basi di una comunità cattolica presto fiorente sul Monte Shasta.Nel 1970, l’Abbazia di Shasta è stata creata da Houn Jiyu ( e continua a offrire a visitatori e discepoli un’abbondanza di dati e insegnamenti su tutte le questioni di natura buddista.

Il monte Shasta non è solo un paradiso per insegnamenti e credenze religiose, ma anche il regno di Bigfoot e le ultime vestigia di una potente e rinomata razza di persone leggendarie che un tempo dominavano il pianeta.

Erano conosciuti come i Lemuriani e si diceva che abitassero una terra ormai sommersa, forse situata da qualche parte nel Pacifico o nell’Oceano Indiano.

I Lemuriani erano alti circa 7 piedi, erano ermafroditi che depongono uova che, sebbene non eccessivamente sviluppati mentalmente, erano, spiritualmente parlando, molto più avanzati di quelli che li avevano preceduti. I Lemuriani venivano da Lemuria ma fecero arrabbiare gli dei che li scacciarono e finirono nel Monte Shasta.

La leggenda crebbe da una menzione casuale di Lemuria nel 1880, a una descrizione di un villaggio Lemuriano nascosto nel 1925. Nel 1931, Harvey Spencer Lewis scrisse Lemuria: il continente perduto del Pacifico sui Lemuriani nascosti di Monte Shasta.

Il monte Shasta rimane al centro dell’attenzione della “New Age”, nonostante il significato spirituale della Convergenza Armonica nell’agosto 1987.

Charles Webster Leadbeater ha affermato di essere in grado di comunicare con maestri soprannaturali spiritualmente avanzati che hanno trasmesso una grande quantità di dati sia su Lemuria che su Atlantide.

Rispondi

Torna su