Cosa potete vedere al Museum of London al Barbican?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Il Museum of London è un museo che molti turisti si dimenticano di visitare e  invece vale la pena andare a darci uno sguardo.  È il museo di storia di una città più grande al mondo e indubbiamente Londra non si merita di meno. Per giunta questo museo è anche gratuito (pagherete solo se volete vedere le grandi mostre temporanee). 

Questo museo è aperto dal 1976 in un edificio costruito apposta al Barbican, dopo l’unione di due musei: il Guildhall Museum che esisteva dal 1826 e il London Museum che esisteva dal 1912. Ma la storia inizia anche prima di entrare, infatti potete vedere rovine delle vecchie mura romane.

Gli architetti vollero costruire un museo con un percorso unico che inizia dall’era preistorica fino ai giorni nostri. Si possono vedere molti reperti archeologici dell’era prima dei romani, la parte dedicata all’epoca romana è abbastanza estesa, da notare anche che il museo si trova accanto a quello che rimane di un muro romano che si può vedere da diversi punti del museo stesso.

Nel museo oltre agli oggetti, si trovano anche vestiti, orologi, quadri, ricostruzioni di interni, modelli di edifici, un paio di vie vittoriane completamente ricostruite con tutti i negozi, proiezione di diversi film tra i quali uno sull’incendio di Londra del 1666 e la famosa carrozza dorata del Lord Mayor. Il museo cerca di illustrare la storia sociale e la vita quotidiana  della metropoli.

Al primo piano troverete la storia di Londra dalla preistoria fino al Grande Incendio del 1666. Proprio all’inizio vedrete come era la valle del Tamigi prima dell’arrivo dei romani, scoprirete anche la storia della donna di Shepperton che visse oltre 5000 anni fa.  Passerete poi la parte dedicata alla Londra romana, rinnovata qualche anno fa, oltre ad oggetti ritrovati in scavi, ci sono anche alcune stanze ricostruite.

Quando andare al mercato di Portobello?

Se continuate a camminare passerete da tutte le invasioni successive, Sassoni, Vichinghi e Normanni, probabilmente rimarrete affascinati dalla storia dei Tudor.

[amazon_link asins=’0141011599|0099422581′ template=’ProductAd’ store=’londr-21|thelondonlink-21′ marketplace=’IT|UK’ link_id=’2c0372ec-2c41-11e8-b0de-c7ea007d0e8f’]Guardate bene tra gli oggetti che ci sono alcune cose interessanti, come un soldatino di stagno del 1300, il gioco di qualche bambino medievale. Dalle pestilenze passiamo poi agli incendi, in questa parte troverete anche una ricostruzione del teatro Rose di Shakespeare.

[foogallery id=”88973″]

Al piano sopra visiterete l’espansione di Londra da dopo il Grande Incendio del 1666 fino a circa il 1850, questa espansione era legata anche all’espansione dell’impero britannico e Londra diventa una metropoli cosmopolita. Entrate in una cella di prigione oppure visitate i Pleasure Gardens e una strada vittoriana.

Scopri il cimitero della City of London

Si passa poi alla Londra di Dickens, una città di grande ricchezze e profonda miseria  e poi alle grandi riforme sociali del 1800 e passando da due guerre mondiali e grandi cambiamenti si arriva ai giorni nostri.

Se volete vedere tutto con calma ci potete passare un giorno intero al museo, potete portarvi i panini e mangiarli nella zona apposta, oppure andare a mangiare in uno dei due coffee shops del museo.

Dove si trova il Museum of London?

Il Museum of London si trova al centro Barbican, per arrivarci il modo migliore è probabilmente scendere a St Paul’s e da li seguire le indicazioni, il museo e’ solo a 5 minuti di strada. L’ingresso è gratuito, il museo è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18.

[wc_googlemap title=”Museum of London” title_on_load=”1″ location=”150 London Wall, London EC2Y 5HN” height=”250px” zoom=”16″ class=””]

Londra

Ultimo aggiornamento 2022-01-25 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Il Japan Centre di Leicester Square

Fondata nel 1976, la food hall del Japan Centre è un’istituzione molto amata situata nel centro di Londra, qui potete trovare tutti i prodotti alimentari giapponesi che volete, Ci sono ben 3000 prodotti nello store grande di Leicester Square, altrimenti ci sono le filiali, più piccoli . Troverete anche sushi appena fatto, noodles, curry e

Biglietti per i concerti di Harry Styles

I concerti che molti attendono da tempo, visto che erano stati posticipati a causa della pandemia. Ce ne sono due in Italia uno a Torino e uno a Casalecchio di Reno, i biglietti si trovano qui. Nel Regno Unito invece i biglietti saranno in vendita dal 28 gennaio e saranno a giugno. Saranno solo tre

Il ponte di Westminster (Westminster Bridge) a Londra

Westminster Bridge o ponte di Westminster è un ponte pedonale e stradale sul fiume Tamigi a Londra, che collega Westminster sul lato ovest e Lambeth sul lato est. O per dirlo in modo turistico collega il Big Ben con il London Eye. Con le Houses of Parliament è una delle immagini più famose del Regno

Petersham Nurseries, il posto magico della famiglia Boglione

Oltre agli italiani di successo che conoscono tutti, ci sono tanti italiani o persone di origini italiane che hanno creato o gestiscono progetti prestigiosi. Si, sappiamo che il direttore della National Gallery è mezzo italiano (mamma polacca britannica e papà italiano), ma ci sono anche tanti altri progetti che hanno fatto notizia e che sono

Febbraio a Londra 2022, cosa fare?

Ufficialmente la pandemia è finita a Londra, ci dicono che è diventata una malattia endemica e ci dobbiamo comportare come se fosse un’influenza. Di conseguenza vengono eliminati tutti gli obblighi, incluso quello d’isolarsi se malati di COVID, e la vita può tornare normale. Cosa succederà in futuro non lo sa ancora nessuno. Febbraio è spesso

Importante mostra sul surrealismo alla Tate Modern di Londra

La mostra della Tate Modern che inizia il 24 febbraio si intitola Surrealism beyond Borders e come dice il nome si concentra sul movimento surrealista al di fuori dell’Europa. Le mostre sul surrealismo si concentrano spesso sulle origini del surrealismo e sui suoi sviluppi sempre nel continente Europeo. Questa nuova retrospettiva alla Tate Modern amplia

Rispondi

Torna su