CONDIVIDI

 

Una breve storia del Natural History Museum di Londra

Un museo di esperti imbalsamatori e grandi collezionisti. Come il British Museum la collezione iniziale proviene da Sir Hans Sloane, botanico anche famoso per aver importato il cacao dai Caraibi. Sloane donò la sua raccolta di pietre, animali e piante raccolte in tutto il mondo alla nazione nel 1753.  Inizialmente la collezione del Natural History Museum di Londra era infatti ospitata nello stesso edificio del British Museum ma era molto in secondo piano, le mummie e i nuovi reperti archeologici greci e assiri attiravano le grandi folle.

10 musei meno conosciuti di Londra

Conoscete tutti il British Museum e il Natural History Museum o anche il super turistico museo delle cere di Madame Tussauds (che solitamente viene evitato dai londinesi come se fosse la peste), ma ci sono tanti altri musei a Londra che si meritano una visita e alcuni di questi sono …

L’edificio stesso é spettacolare, aperto nel 1881, è in stile vittoriano neo-gotico. Nel museo si trovano gallerie dedicate alla zoologia, migliaia e migliaia di fossili, ossa ed animali imbalsamati. Subito all’entrata si vede lo scheletro di un enorme dinosauro. Ci sono mostre interattive, ideali per ragazzi in etá scolare, ma si trovano anche aree dedicate ai piú piccoli. Piú adatte agli appassionati sono le gallerie di minerali e piante. In questo museo si sente e si tocca lo spirito vittoriano di collezionare, etichettare e dare senso al mondo.

Foto: © Copyright Christine Matthews and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Cosa si trova al Natural History Museum a Londra?

Il giardino del museo contiene flora e fauna con tanto di alveare ma è solo aperto dal 1 aprile al 31 ottobre (10:00-05:00), potete vedere una serie di habitat delle isole britannici come Fen, canneto, siepi, boschi e prati – e attira libellule, gallinelle d’acqua, falene, e diversi tipi di uccelli.

natural history museum a LondraD’estate, fuori avete anche la possibilità di entrare e visitare un ‘farfallaio’ con tante farfalle che svolazzano attorno, mentre d’inverno potete pattinare. E ogni tanto potete anche dormire con i dinosauri. Vengono anche organizzate altre mostre temporanee,. se avete il tempo di vederle. Ogni anno si tiene anche la nota mostra delle fotografie di animali ovvero The Wildlife Photographer of the Year.

Foto: © Copyright Christine Matthews and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Il museo si trova su cinque piani e diviso in quattro zone colorate. La zona blu che si chiama dai Dinosauri all’Uomo è quella più popolare con i suoi dinosauri e lo scheletro della balena azzurra appesa al soffitto. Non perdetevi anche il cranio del mammut ma avrete una bella scelta di animali da osservare, da elefanti al pitone indiano. Finirete poi nella galleria dedicata La  sala centrale era dominata dallo scheletro di 32m che era una replica di un Diplodocus – ‘Dippy‘, ora invece si trova lo scheletro della balena Hope.

Cose che forse non sapete sul British Museum

Il British Museum possiede oltre 14 milioni di oggetti ma solo 1% di questi è in mostra in qualsiasi momento. Ci sono mostre temporanee che fanno vedere oggetti ‘nascosti’ La British Library all’interno del museo fu ampliata e modernizzata intorno al 1850 da un bibliotecario e patriota italiano: Sir Antonio Panizzi, considerato come …

Qui inizia anche la zona verde dedicata agli uccelli, insetti, fossili e minerali.  La  collezione di uccelli comprende il dodo, l’ormai leggendario uccello estinto. Non perdetevi la parte degli insetti dove potrete entrare in una ricostruzione di una torre costruita da termiti. La parte dedicata ai minerali è decisamente meno interattiva e vi lascia vedere come era il museo nel 1800. Non perdetevi i meteoriti e i pezzi di roccia lunare.

La zona rossa invece si concentra sulla terra e l’universo. La parte dedicata alla geologia é  affascinante cominciando da uno strano viaggio in scala mobile e passando tra tanti vulcani e una simulazione di un terremoto, meglio se entrate direttamente da Exhibition Road e fate la scala mobile. Queste gallerie presentano la storia del nostro pianeta, passato, presente e futuro – dal Big Bang ai problemi ambientali attuali. Non perdetevi le impronte di un dinosauro! La zona arancio o il Darwin Centre è una parte recente del museo e include reperti collezionati da Charles Darwin stesso. Qui esplorate l’idea dell’evoluzione

Come visitare il Natural History Museum di Londra?

Il museo é   gratuito, dopo alcuni quando si doveva pagare, ed è un ottimo modo per passare la giornata con o senza bambini.

Il museo si trova a breve distanza da South Kensington Station sulla Piccadilly Line, per una vera e propria overdose vicino sono situati due altri grandi musei: The Science Museum e Victoria & Albert Museum.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here