Noi italiani abbiamo lavorato tanto e ora ci trattano in questo modo?

Sono la classica italiana come tanti, sono venuta a Londra con pochi soldi e inglese scolastico che, con tanto duro lavoro, mi sono costruita una vita e una carriera. Ero contenta di aver trovato un paese aperto e che accoglieva tutti. 

Ora mi devo proprio ricredere, non solo voglio chiudere le frontiere ok che facciano quello che vogliono ma come lo dicono. Ieri la ministra che dice che è un grande giorno…finalmente possono non far entrare gli europei che per anni hanno fatto quello che hanno voluto; come lavorare tanto e pagare tasse! Tutto questo mi mette ansia se devo essere sincera, sapere che sono stata un peso tutti questi anni. Che i miei sacrifici e le mie tasse non contano nulla. 

Ho chiesto il settled status che ho avuto senza problemi, rifiutato invece a mia sorella venuta lo stesso giorno mio 12 anni orsono. Il settled status non mi piace, solo online e quanti non avranno voglia di controllarlo. Tutta la situazione non mi piace, non mi piace come parlano di noi come se fossimo ratti. Sono molto preoccupata per il futuro e la discriminazione che potrebbe esserci.

Scusatemi volevo solo sfogarmi un po’.

 

 

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

rapporto

Scritto da Arianna F

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dryburgh Abbey in Scozia

Dryburgh Abbey in Scozia, un’abbazia gotica distrutta tre volte

Il pub storico di Kensington frequentato da Dickens e DH Lawrence