Carlo, manager a Londra, dice che non bisogna comportarsi da italiani

Questo è un articolo inviato da un ospite, non riflette necessariamente le nostre opinioni.
Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 
Nel 2010
 
Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? 
Con una stanza affittata dall’Italia
 
Come hai cercato lavoro
Chiedendo in giro
 
Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro? 
Il giorno stesso,
 
Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo? 
Laurea e qualche esperienza breve
 
Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo? 
Scolastico medio, leggevo bene ma facevo fatica a capire
 
Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso? 
Barista ora manager
 
Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi? 
Non mi sono mai pentito per un secondo di essere venuto a Londra. Una ottima città, vivibile anche se enorme, ben organizzata e ben funzionante e si la meritocrazia non è un mito, esiste sul serio e premia i volenterosi e punisce gli scansafatiche. 
 
Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi? 
Non a tutti, ci sono italiani che si comportano male e non dovrebbero venire
 
Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire? 
Non comportarsi da italiani ma da inglesi, anzi meglio degli inglesi. Siamo immigrati dobbiamo guadagnare la fiducia di chi ci ospita. Non affittate o lavorate a nero, avete sempre contratti e pagate tasse, se volete fare gli italiani rimanete in Italia e che vi levino pure il passaporto

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

2 commenti su “Carlo, manager a Londra, dice che non bisogna comportarsi da italiani”

  1. Avatar

    se la tua aspirazione di vita è fare il bariata ok, stai a londra. Ma ci pensate che se fate camerieri e baristi prima poi diventerete vecchi per fare quel lavoro e resterete nullafacenti a vita?

  2. Avatar

    La maggior parte di quelli che stanno a Londra devono sfangarsi qualche annetto lontano da casa, il futuro / ereditina / renditina / mammà che li campa a vita credono di averlo in Italia. Su Londra non ci investe praticamente nessuno. Ecco perchè tanto blaterare e pompare Londra da gente che è evidentemente “dead man walking” come giustamente sottolinei.

Commenta

Partecipa anche tu!

Col tuo nome vero o anonimo, dal PC o dal cellulare, racconta la tua esperienza o condividi ciò che hai fatto.
My Post (4)
Un imprenditore italiano racconta la sua esperienza
museo a londra
Esperienza di un lettore che lavora in un museo a Londra
- Unknow (10)
Lettrice scrive che Londra non è il paradiso della meritocrazia
- Unknow (7)
Luciano è cuoco a Londra e dice di aver trovato una nazione onesta
- Unknow (13)
Il Mancini scrive che Londra vive nell'incertezza del futuro
a voi la parola (1)
Nicola dice che Londra offre tutto e anche più di tutto
Bubble and Squeak
Bubble and Squeak; ricetta semplice britannica
- Unknow (7)
Marco scrive che Londra è molto meglio dell'Italia
- Unknow (19)
Stefano scrive che molti italiani hanno buttato via anni a Londra ottenendo poco
- Unknow (4)
A.J.M.UK consiglia di stare con i bambini per imparare l'inglese
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: