“Non partite senza un piano d’azione”

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 
Gennaro 2018
 
Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? 
L’azienda mi ha dato una casa convenzionata che pagato la meta’ del prezzo di mercato.
 
Come hai cercato lavoro
Online, ho fatto colloqui via Skype dall’Italia
 
Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro? 
Un mese
 
Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo? 
Laurea in psicologia clinica, vari corsi di formazione specialistici, certificati di inglese, lavoro nel turismo, assicurazioni ecc
 
Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo? 
Ottimo
 
Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?
Ho lavorato I primi sei mesi per una clinica privata come health care assistant, poi come agente customer care per brand tecnologici globali, ora sto lavorando come freelancer indipendente
 
Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi? 
Abbastanza buona nel complesso ma ho lasciato il primo lavoro nelle cliniche private poiche’ I turni sono lunghissimi e faticosissimi, inoltre lavorando di notte non si viene pagati di piu’. Inoltre pretendono che fai gli straordinari ed io non ero disposta.
 
Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi? 
Dipende dal livello di inglese e dal bagaglio umano e professionale.
 
Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire? 
Informatevi in maniera approfondita sul mercato del lavoro. Non partite senza in piano d’azione.

Rispondi

Torna su