Non tutti gli europei sono svantaggiati per i datori di lavoro in UK

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Ci sono indubbiamente persone europee  che hanno problemi a trovare lavoro ora per l’incertezza causata dalla Brexit. Molti datori di lavoro richiedono ora il settled status e nemmeno vogliono vedere il pre-settled status. 

C’è però un risvolto positivo per noi europei, certe aziende, per prima la Ryanair ma non la sola, che chiedono candidati con il permesso di lavorare e muoversi liberamente nella UE. Cosa che noi cittadini italiani abbiamo automaticamente ma che i britannici non hanno più.

Questo vantaggio però durerà solo per quest’anno, dal 1 gennaio 2021 gli italiani e gli altri europei dovranno chiedere un permesso di lavoro per lavorare in UK,  anche se avranno ancora la libera circolazione in Europa, non l’avranno più in UK.

È possibile però che alcuni datori di lavoro vedranno un passaporto europeo come una cosa positiva e offriranno lavoro ad europei che potranno chiedere il permesso di lavoro. Dovranno, secondo le norme correnti, avere un ottimo inglese e risparmi di almeno £9000 in banca. 

I cittadini britannici saranno indubbiamente svantaggiati per molti tipi di lavoro dal turismo a certe parti dei servizi per aziende. Non potersi muovere liberamente nella UE e dover chiedere permessi diventa un grosso svantaggio per molti datori di lavoro. Cambiamenti drastici di questo tipo sono sempre una perdita per molti ma possono essere un’opportunità per altri. 

Lascia un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: