Offerte di lavoro a Birmingham per italiani

lavoro a Birmingham

In questo articolo parliamo della situazione lavorativa in questa città, in fondo abbiamo anche le ultime offerte di lavoro a Birmingham per italiani. Birmingham è la seconda città del Regno Unito e come tale dovrebbe avere molte opportunità di impiego.

Fate comunque attenzione, Birmingham non piace a tutti, non ha il carisma di altre città britanniche. Non ha nemmeno le opportunità di Londra ed è una città che ha votato per uscire dall’Unione Europea, soprattutto per non avere più immigrati. Ci sono infatti zone ad alta disoccupazione.

Inoltre ora conn la situazione  del coronavirus non possiamo sapere ancora se si riesce trovare lavoro, soprattutto se appena arrivati dall’estero. Non abbiamo ancora i dati della disoccupazione attuale ma si pensa possa essere raddoppiata. 

Prima del coronavirus Birmingham aveva una disoccupazione del 8,9 %, molto sopra la media nazionale. Certe parti della città  arrivavano vicino al 20% di disoccupazione con punte che arrivano al 30% per la fascia d’età dai 18 ai 24 anni.

Sono cose da tenere presente se andate all’avventura, la cosa cambia se siete ben specializzati in un settore ancora richiesto a Birmingham. Ma se pensate di andare a fare lavoro generico, potreste avere problemi. 

Si trova lavoro a Birmingham?

Indubbiamente esisterà sempre la possibilità di trovare lavoro in nero in qualche ristorante italiano, che non assumerebbero mai uno del posto.

Un italiano che lascia l’Italia per trovare un impiego migliore, non dovrebbe andare fino a Birmingham per lavorare in nero. Non è la città dove andare allo sbaraglio con la speranza di trovare lavoro in poco tempo. Alcuni lo trovano, altri no. Ripetiamo la situazione è molto peggiorata quest’anno. 

Per riepilogare, Birmingham ha costi meno alti di Londra. Però in generale ha anche meno opportunità di Londra.

Foto: © Copyright Roger Kidd and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Si trova lavoro in fabbrica a Birmingham?

Per chi possiede delle competenze questa città Birmingham invece offre molto. Ha la più grande concentrazione in Europa di produzione di gioielli. Se siete in quel campo meglio provare questa zona piuttosto che Londra.

Ha ancora qualche fabbrica. Come nel resto del Regno Unito la produzione industriale è una piccola fetta dell’economia. Non potete pensare di andare a Birmingham per lavorare in fabbrica.

Le fabbriche che si trovano in Gran Bretagna tendono ad essere di produzione alimentare e cose leggere oppure di produzione altamente specializzata che usa componenti prodotti altrove. Non sappiamo se queste fabbriche sopravviveranno al Brexit, dovendo fare affidamento al ‘just in time’ che può esistere solo in un mercato unico.

Ci sono comunque possibilità di impiego in ruoli tecnici e molto specializzati.   Birmingham ha un grosso centro fiere e quindi ci sono molti hotel e altre strutture turistiche per accogliere i visitatori.  Ma non sappiamo come questo settore sarà in un futuro prossimo, ora non ci sono fiere e tantomeno viaggi d’affari. 

Questa città ha anche un forte settore finanziario e assicurativo e tanti negozi. Gli affitti come potete vedere qui non sono economici, però indubbiamente molto inferiori alle medie londinesi.

Offerte di lavoro a Birmingham per persone che parlano italiano

Elenchiamo  qui una serie di offerte di lavoro nella zona di Birmingham, alcuni cercano persone che parlano italiano, altre possono interessare a chi cerca lavoro in quella zona.

Abbiamo anche una banca dati in continua crescita con contatti di posti di lavoro che frequentemente cercano personale in tutto il Regno Unito. Potete consultare la nostra banca dati gratuitamente e abbiamo anche offerte di lavoro a Birmingham.

Sia chiaro che difficilmente troverete lavoro dall’Italia per lavoro poco qualificato e generico, l’unica eccezione è normalmente il lavoro alla pari.

      rapporto

      Scritto da admin

      Autore per pagine generiche e di informazione

      Nantwich nel Cheshire

      Nantwich nel Cheshire; una cittadina di case Tudor

      Matteo scrive che trasferirsi a Londra non è così difficile