Non si possono non notare le opere di Brunel in Inghilterra. Forse non molto conosciuto in Italia ma un vero mostro dell’ingegneria vittoriana che ha lasciato segni in varie parti di Inghilterra. Isambard Kingdom Brunel nacque a Portsea vicino Portsmouth nel 1806, il padre un ingegnere francese pieno di debiti.

Dopo gli studi, da ingegnere come il padre, il suo primo lavoro fu il Tunnel sotto il Tamigi tra Rotherhithe che era un progetto del padre.

Foto: © Copyright Ian James Cox and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

A Bristol inoltre disegnò il progetto per i Monkwearmouth Docks e in seguito parte del porto di Cardiff e Plymouth.

A 27 anni fu promosso al ruolo di ingegnere capo alle Great Western Railway proprio nel

Isambard Kingdom Brunel
Wharncliffe Viaduct a Hanwell, Ealin

periodo d’oro dell’espansione ferroviaria.

Lavorò sulla linea Londra-Bristol incluso dei capolavori d’ingegneria come alcuni viadotti di Hanwell nell’ovest di Londra e Chippenham, il ponte di Maidenhead, il Box Tunnel e la stazione Temple Meads di Bristol.

Le opere di Brunel in Inghilterra sono tante

L’unico problema è che Brunel usò una rotaia larga di 2 metri e 20 metri il resto della rete usava quella di un metro e 55, quindi i passeggeri dovevano cambiare treni continuamente!

Libro sul noto architetto: Isambard Kingdom Brunel

Foto: © Copyright Nigel Cox and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

In seguito Brunel cominciò a far costruire una nave a vapore,  la Great Western che a quei tempi era la più grande al mondo e impiegava solo 15 giorni ad andare a New York. Si dedicò poi alla costruzione della Great Britain, un translatlantico capace di trasportare 250 passeggeri, un equipaggio di 130 persone e 1200 tonnellate di cargo.

Scopri il castello di Okehampton in Devon

Visto il successo delle precedenti nel 1852 Brunel cominciò a costruire una grande nave, la Great Eastern. Costruita sul Tamigi era un progetto ambizioso, infatti era una nave in grado di trasportare ben 4000 passeggeri! Purtroppo il progetto si rivelò estremamente costoso, troppo ambizioso e pieno di tragedie umane durante la costruzione. Non la migliore delle opere di Brunel!

In queso periodo Brunel si ammalò e praticamente morì di crepacuore nel 1859 a vedere il suo grande progetto andare in fumo. Inutile dire che la Great Eastern, benché completata, fu un fallimento per i costi elevati e la difficoltà opere di Brunela manovrarla. Fu poi distrutta.

Tra le opere di Brunel più famose abbiamo senza dubbio il famoso ponte sospeso a Bristol, il Clifton Bridge, Brunel non riuscì a vedere il ponte completato, anzi la costruzione del ponte fu sospesa e solo ricominciata dopo la morte di Brunel per commemorarlo.

Brunel progettò altri ponti tra cui il famoso Royal Albert Bridge che attraversa il fiume Tamar. A ricordarlo rimangono comunque The Brunel Museum a Londra e Brunel University

Altri articoli sull’Inghilterra

Tetbury nel Gloucestershire, cittadina medievale nei Cotswolds

Continuiamo nella nostra esplorazione delle cittadini e villaggi medievali dell’Inghilterra. Questa volta parliamo di Tetbury che non si trova vicino a Londra ma piuttosto nella zona dei Cotswolds. Una città mercato elisabettiana davvero affascinante, un’altra che ha prosperato dal commercio della lana come molti posti in questa zona. Ora ha poco più di 5000 abitanti […]

0 comments

Vacanze diverse dal solito nel Dorset in Inghilterra

Avete sempre avuto il sogno dell’avventura o magari diventare Robinson Crusoe per una settimana. Magari sognate da sempre di stare in una casa su un albero. Però dai non volete nemmeno rinunciare ai comfort moderni. In mezzo alla natura va bene ma bisogna anche avere il forno e la vasca da bagno in rame, o […]

0 comments

Sono queste le pizze migliori in Inghilterra?

Si tratta di un argomento delicato, cercare di decidere quali sono le pizze migliori è una vera e propria impresa. Big 7 Travel ci ha provato, infatti ha elencato in ordine le 21 pizze migliori di Inghilterra. Incredibilmente si trova solo una pizza di Londra tra le prime dieci e mancano alcune delle note pizzerie londinesi. […]

0 comments

Commenta