Oxford Street a Londra si trova sulla strada romana Via Trinobantina che andava dal Hampshire al Suffolk. Ha avuto molti nomi nel corso dei secoli da The King’s Highway a the Road to Oxford.  A volte fu anche chiamata The Tyburn Way, visto che il fiume Tyburn scorre sotto.

Per un periodo qui ci passavano i condannati a morte che dalla prigione di Newgate venivano portati all’albero dell’impiccagione, ovvero il Tyburn Tree, che si trovava dove ora vedete Marble Arch.

Foto: © Copyright Bill Boaden and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Oxford Street a Londra è la via di negozi e shopping più trafficata in Europa con circa mezzo milione di visitatori ogni giorno. Amata dai turisti, molto meno amata da tanti londinesi che la evitano come la peste.

Se andate ad Oxford Street a Londra potete dire che andate alla Via Trinobantina

Lo sviluppo vero e proprio di Oxford Street risale al 1700, infatti alla fine di questo secolo la via era completamente costruita fino a dove si trova ora Marble Arch. Era prevalentemente una zona residenziale ma si trovavano anche teatri e altre forme di intrattenimento. Per esempio il Pantheon si trovava qui.

Ironicamente il nome Oxford Street non viene dal fatto che la strada portava verso Oxford ma piuttosto dal fatto che all’inizio del 1700 il secondo conte di Oxford comprò terreni in questa zona. La moglie era Henrietta Cavendish e la loro figlia sposò il duca di Portland. Da questa famiglia vengono i nomi di tante vie e piazze della zona.

Oxford Circus fu creato dall’architetto John Nash quando fece Regent Street, anche quello che vedete ora ha meno di 100 anni. Qui furono create le prime strisce pedonali a X, che permettono ai pedoni di attraversare la strada diagonalmente.

Divenne una zona di negozi verso la fine del 1800, la zona cominciò ad attirare le classe medie solo dopo che fu tolto il Tyburn Tree. Il passaggio dei condannati a morte non era molto piacevole.  Anche allora aveva i venditori illegali che si trovano ancora che vendono merce falsa. Certe abitudini non cambiano. Selfridges e John Lewis nacquero proprio a Oxford Street.

Al numero 70 di Oxford Street a Londra fu mostrato il primo film del Regno Unito nel 1894

oxford street a londraDurante la seconda guerra mondiale, Oxford Street fu notevolmente bombardata. Per esempio lo store di John Lewis fu completamente distrutto e rimase un buco per anni. Fu infatti ricostruito tra il 1958 e il 1960. Selfridges fu bombardato due volte ma riuscì in entrambi i casi a riaprire subito dopo.

Una volta Oxford Street a Londra aveva oltre 20 pubs, ora ne trovate solo uno The Tottenham al numero 6.

Lo store Marshall & Snelgrove aprì qui nel 1870 e nel 1919 si unì a Debenhams (un negozio di tessuti che si trovava a Wigmore Street dal 1778) . Debenhams esiste anche oggi.

Il Club 100 esiste dal 1942 quando era un club jazz. Divenne poi un posto della Londra trendy negli anni ’50 e ’60. Solo per pochi eletti, il suo grande successo fu negli anni ’70 con il punk.