Questi sono aspetti poco curati da molti italiani, visto che questo tipo di recruitment ancora non viene usato spesso in Italia.

Molti datori di lavoro in UK usano i social media per cercare personale, quindi avere dei profili professionali e cercare di crearsi contatti è molto importante. Ma la cosa non si ferma qui.

Almeno la metà dei recruiters e datori di lavoro controlla social media come Facebook, Twitter e ovviamente LinkedIn prima di offrire un lavoro a qualcuno.  L’altra metà ancora non controlla, ma pensa di iniziare a farlo in futuro.

Anzi ultimamente una nuova ricerca un buon numero di datori di lavoro scarta candidati a causa di cose che vedono sui loro account di social media o per mancanza di un profilo LinkedIn

In ogni caso è importante avere tutti i vostri profili in ordine, se usate Facebook usate alta privacy tenendo presente che non di rado i recruiters di agenzie vi chiederanno di diventare vostri amici e potranno vedere quasi tutto.

Se non accettate l’amicizia potrete essere visti con sospetto. Da notare che non ci sono leggi che vietano un datore di lavoro di spiare i vostri profili e anche di usare software che sorpassano le barriere di privacy (ancora fortunatamente una pratica non comune in UK).

Alcuni consigli:

Se volete usare Facebook senza freni non usate il vostro nome vero. Se decidete di usare il vostro nome vero cercate di moderare il tono, togliete le foto compromettenti ovvero che danno un immagine poco seria di voi e non date l’amicizia a tutti, solo alle persone che sapete non vi imbarazzeranno.

Cosa deve dimostrare un laureato per trovare lavoro?

Cercate di avere un LinkedIn professionale e mettete il link a quello sul vostro CV, è diventato praticamente essenziale averlo per molti tipi di lavoro e molto utile per altri.

Se avete un profilo LinkedIn, darete almeno un immagine professionale online anche se il vostro Facebook non è il massimo (alcuni recruiters irascartano candidati senza una presenza online)

Altri articoli da leggere

Riesci a vivere con la paga minima? Prima testimonianza

Ho avuto un lavoro che pagava la paga minima sindacale per solo qualche mese e ho fatto fatica a vivere. Premetto che mi pagavo l’affitto per una stanza mia, l’idea di fare il dormitorio non mi piaceva. Soffro anche di diverse allergie a profumi e altre sostanze chimiche, chi vive in stanza con me dovrebbe […]

0 comments
contratto di lavoro nel Regno Unito

Cosa deve dire un contratto di lavoro nel Regno Unito?

Prima di accettare un lavoro dovresti sapere come funziona un contratto di lavoro nel Regno Unito. Se lavori almeno un mese di seguito hai diritto a un contratto di lavoro scritto o written statement che dovrebbero darti entro 13 settimane da quando hai iniziato a lavorare. Troverai che generalmente nel Regno Unito i datori di […]

0 comments

I migliori libri per trovare lavoro a Londra o in UK

Se cercate consigli e dritte per trovare un  lavoro a Londra o in UK, state abbastanza alla larga dalla maggioranza dei siti italiani (anche alcuni che si autodefiniscono autorevoli) appena vi propongono il CV in formato europeo sapete che dovete scappare, perchè ciò dimostra che non conoscono proprio il mercato del lavoro britannico. Per avere consigli […]

0 comments