Cercate lavoro? Attenzione ai vostri account di social media

Questi sono aspetti poco curati da molti italiani, visto che questo tipo di recruitment ancora non viene usato spesso in Italia.

Molti datori di lavoro in UK usano i social media per cercare personale, quindi avere dei profili professionali e cercare di crearsi contatti è molto importante. Ma la cosa non si ferma qui.

Almeno la metà dei recruiters e datori di lavoro controlla social media come Facebook, Twitter e ovviamente LinkedIn prima di offrire un lavoro a qualcuno.  L’altra metà ancora non controlla, ma pensa di iniziare a farlo in futuro.

Anzi ultimamente una nuova ricerca un buon numero di datori di lavoro scarta candidati a causa di cose che vedono sui loro account di social media o per mancanza di un profilo LinkedIn

[amazon_link asins=’B013RO36UG|1508514887′ template=’ProductAd’ store=’londr-21|thelondonlink-21′ marketplace=’IT|UK’ link_id=’489f9188-3723-11e8-ba09-df6a4ae2c7be’]

In ogni caso è importante avere tutti i vostri profili in ordine, se usate Facebook usate alta privacy tenendo presente che non di rado i recruiters di agenzie vi chiederanno di diventare vostri amici e potranno vedere quasi tutto.

Se non accettate l’amicizia potrete essere visti con sospetto. Da notare che non ci sono leggi che vietano un datore di lavoro di spiare i vostri profili e anche di usare software che sorpassano le barriere di privacy (ancora fortunatamente una pratica non comune in UK).

Alcuni consigli:

Se volete usare Facebook senza freni non usate il vostro nome vero. Se decidete di usare il vostro nome vero cercate di moderare il tono, togliete le foto compromettenti ovvero che danno un immagine poco seria di voi e non date l’amicizia a tutti, solo alle persone che sapete non vi imbarazzeranno.

Cosa deve dimostrare un laureato per trovare lavoro?

Cercate di avere un LinkedIn professionale e mettete il link a quello sul vostro CV, è diventato praticamente essenziale averlo per molti tipi di lavoro e molto utile per altri.

Se avete un profilo LinkedIn, darete almeno un immagine professionale online anche se il vostro Facebook non è il massimo (alcuni recruiters irascartano candidati senza una presenza online)

[sociallocker id=97243]scarica ebook gratuito cv[/sociallocker]

Altri articoli da leggere

Tasse nel Regno Unito: alcune cose che dovete sapere

Spesso girano voci strane sulle tasse nel Regno Unito e molte notizie incorrette, cerchiamo qui di correggere alcuni di questi strani miti. Alcuni continuano da anni e ancora vengono ripetuti, anche se non hanno nessun fondamento. Se sono uno studente in Italia non pago niente Una volta non pagare le tasse nel Regno Unito bisognava essere studenti full time nel Regno Unito e compilare il P38. Questo valeva solo se accompagnato da una prova di iscrizione a un college o universitá britannici.  Ora questo è stato comunque levato e gli studenti pagano le tasse come tutti dopo le prime £11 mila all’anno circa. Se compilo […]

0 comments

Rimborso tasse in Gran Bretagna; come e quando chiederlo

Ecco i moduli veramente importanti per essere sicuri di pagare il giusto di tasse  e per non avere  problemi a chiedere il rimborso tasse in Gran Bretagna, quando decidete di andarvene. R50 Se siete arrivati nel mezzo dell’anno fiscale e avete pagato  troppe tasse, dopo la fine dell’anno fiscale (il 6 aprile ma abbiate pazienza alcuni mesi) dovreste essere automaticamente rimborsati. Se questo non dovesse  succedere,  presentatevi a uno di questi uffici dove  probabilmente vi faranno compilare questo modulo. Dovete essere sicuri che avete pagato troppe tasse perché è successo spesso che persone che sono andate  a chiedere un rimborso tasse in […]

29 comments

Brexit: serve il passaporto per venire a Londra?

Ci arrivano tante domande come “mi serve il passaporto per venire a Londra?” “la mia laurea italiana vale anche dopo la Brexit?” “ho bisogno del visto per venire a lavorare a Londra?” e tante altre. Il governo britannico ha annunciato l’anno scorso che dall’ 1 ottobre 2021 i cittadini europei (italiani inclusi) non potranno venire nel Regno Unito con la carta d’identità dovranno per forza avere un passaporto valido, anche se vengono per un paio di giorni.   Dal sito del governo britannico Inoltre durante la campagna elettorale Johnson aveva promesso che dopo la Brexit gli europei dovranno chiedere un […]

0 comments

 

 

 

 

 

admin
Autore per pagine generiche e di informazione

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Lavoro