“Per essere rispettati bisogna prima di tutto rispettare il paese che vi ospita”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito?
nel 2015 in marzo

towerCome hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?
No,veramente no, bisogna stare con gli occhi aperti e sapere che diritti si devono avere, altrimenti ci si fa fregare facilmente

Come hai cercato lavoro?
Solo tramite internet

Foto: © Copyright Robert Lamb and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?
3 giorni

Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?
Lavoro nell’ecommerce

Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?
ecommerce

Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?
Molto buono

Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi?
Ottima, lavoro a palate e possibilità di avanzare e fare carriera. Stipendi alti e qualità della vita altrettanto alta. In certi campi come IT ecommerce e anche design grafico – la mia fidanzata disegnatrice grafica trovò lavoro pure in 4 giorni – si trova lavoro in pochi giorni o anche direttamente dall’Italia

Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?
[amazon_link asins=’1107697387|0521189063′ template=’ProductAd’ store=’londr-21|thelondonlink-21′ marketplace=’IT|UK’ link_id=’2166f3c1-dc36-11e8-8f40-4dd90fbbe540′]si ma non si viene a fare i camerieri e lavapiatti dopo i 22 o 23 anni, sono tipi di lavori che pagano troppo poco per vivere decorosamente. a 20 anni si accetta anche di vivere come animali, a 25 o 30 no o almeno si dovrebbe avere la dignità di non accettare certe condizioni. Ho avuto la sfortuna di vedere italiani vivere come maiali qui a Londra in un mondo per giunta tutto italiano emarginato, nella sporcizia e squallore totale. Per vivere in quelle condizioni pietose, meglio rimanere in Italia. Una volta toccato il fondo a Londra non si rialzano più, London non perdona

“Faccio la vita che avrei sempre voluto fare”

Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?

Inglese, inglese, inglese e inglese. Venire senza parlare la lingua è ingiustificabile e prova di immaturità e superficialità. Seguite le leggi del posto, non siete in Italia, per essere rispettati bisogna prima di tutto rispettare il paese che vi ospita

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, pubblichiamo le risposte per dover di cronaca e per dare la parola a tutti

Se vuoi anche tu un lavoro a Londra o nel Regno Unito, leggi qui

Puoi anche tu compilare questo sondaggio qui sotto

Altre esperienze di italiani a Londra

[su_posts posts_per_page=”3″ tax_term=”64″ order=”desc” orderby=

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

Un'esperienza italiana nel Regno Unito

I’m a Doctor & I Love my Job.

"Questo Brexit mi preoccupa anche più da vicino"
- Unknow (3)
Matt racconta la sua bellissima (ma non semplice) esperienza londinese
- Unknow (24)
Chiara pensa che con la Brexit migliorerà la meritocrazia
Se state ancora in Italia e non avete il coraggio di partire, vi mangerete le mani
Se state ancora in Italia e non avete il coraggio di partire, vi mangerete le mani
pablo
"Perfino cose come tasse, moduli e burocrazia sono ridicolmente semplici"
“Spero di trovare lavoro, casa e potermi rifare una vita”
"Spero di trovare lavoro, casa e potermi rifare una vita"
"Fate domanda di lavoro a tutto quello che vi interessa!"
“Il 60% del mio guadagno parte per l’affitto di una stanza”
"Il 60% del mio guadagno parte per l’affitto di una stanza"
“Cercare le occasioni dove si trovano”
"Cercare le occasioni dove si trovano"
“Non pensate proprio di lavorare in ristoranti…”
"Non pensate proprio di lavorare in ristoranti..."
Ultime reazioni
Torna su