Percentuale di povertà per borough di Londra

Londra è una metropoli complessa e come altre città di grandi dimensioni sfoggia grande ricchezze e opportunità ma nasconde enorme disparità e povertà.

Il turista spesso non se ne accorge e si lascia ingannare dai negozi di lusso e le macchine di grossa cilindrata che girano per il centro. Ma Londra non è solo quello.

[amazon_link asins=’B01K3L6L3A|1447315707′ template=’ProductAd’ store=’londr-21|thelondonlink-21′ marketplace=’IT|UK’ link_id=’26c0d48c-2214-46d1-8079-110e8a65e17c’]Ci sono diversi metodi per calcolare la povertà, il primo considera poveri tutti coloro che guadagnano meno del 60% dello stipendio medio. Quindi per esempio se lo stipendio medio è di £25 mila annuali, chi guadagna meno di £15 mila annuali sarebbe considerato sotto la soglia della povertà.

Un altro metodo usato a Londra è di calcolare annualmente la paga minima oraria che assicura un tenore di vita dignitoso.

Questa si chiama London Living Wage (da non confondere con la National Living Wage che è molto più bassa) e al momento sarebbe di £10.55 all’orari.

In poche parole chi non guadagna l’equivalente di quella cifra è considerato sotto la soglia della povertà.

Siamo al corrente di tanti italiani che prendono £7,50 all’ora e dicono di stare benissimo e saranno anche offesi a sentirsi dire che sono considerati tra i poveri di Londra.

La realtà è che per un ventenne condividere stanza (o addirittura letto) con altre persone può anche essere un’esperienza divertente. Generalmente la persona giovane non ha grandi responsabilità e gode di buona salute, quindi certi sacrifici non pesano. Ma a 30, 40 o 50 anni vivere in una stanza di un paio di metri quadrati e condividere bagno con sconosciuti non è più tanto piacevole.

Da notare anche che la maggioranza dei poveri ufficiali di Londra lavora e guadagna poco. Non si tratta necessariamente di persone che non lavorano o che hanno problemi fisici o mentali.

Non è nemmeno vero che tutti cominciano dal basso e riescono tramite promozioni e altro ad avanzare e farsi una carriera. Sappiamo di molti italiani che sono a Londra da anni e sono ancora sotto la soglia della povertà.

La differenza tra borough e council

Bisogna anche tenere presente che in certi settori anche il lavoro da supervisore o addirittura manager può essere sotto la soglia della living wage.

Guardiamo ora le percentuali ufficiali e aggiornate di poveri di Londra. Potete vedere gli stessi dati anche come cartina di Londra.

Nome del BoroughPercentuale Povertà
Barking & Dagenham29%
Barnet23%
Bexley16%
Brent33%
Bromley15,5%
Camden32%
City of London16%
Croydon22%
Ealing29%
Enfield27%
Greenwich26,5%
Hackney37%
Hammersmith & Fulham31%
Haringey34%
Harrow24%
Havering16%
Hillingdon23%
Hounslow25%
Islington34%
Kensington & Chelsea29%
Kingston Upon Thames18%
Lambeth30%
Lewisham26%
Merton20%
Newham37%
Redbridge25%
Richmond Upon Thames15%
Southwark31%
Sutton16%
Tower Hamlets40%
Waltham Forest28%
Wandsworth22%
Westminster31%

 

rapporto

Scritto da Laura S Ambir

A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

“Sono scappata dopo 4 mesi, soffrivo di solitudine”

Posso fare uno stage a Londra a 30 anni?