Pooles Cavern, una grotta nel Peak District

Se andate a fare una visita al parco nazionale del Peak District, cosa che dovreste fare almeno una volta nella vita, dovreste passare da Pooles Cavern.

La visita non è difficile visto che Pooles Cavern  si trova appena fuori Buxton, il centro maggiore della zona e una specie di Bath del nord d’Inghilterra.

Sito ufficiale della grotta

Ok, ritorniamo alla nostra grotta. Formata dal fiume Wye, dal 1600 è conosciuta come una meraviglia della zona e non a torto. Fu visitata da reali e aristocratici inclusa Maria Stuarda.

Foto: © Copyright Richard Bird and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Si tratta infatti di una grotta naturale di calcare. Dovrebbe avere oltre 2 milioni di anni e sembra fosse usata da tribù durante l’era della Pietra e del Bronzo.

Sembra anche che parte della grotta fosse usata per cerimonie religiose ai tempi dei Romani.

Uno dei motivi per visitare la grotta sono le stalattiti, alcune sono famose anche perché grazie al ferro e al manganese e altri metalli hanno strani colori che le rendono ancora più affascinanti.

Il nome della grotta risale a un bandito che appunto si chiamava Ppole e che la usava come base per nascondersi e nascondare i propri bottini.

La grotta può essere visitata anche se la parte aperta al pubblico è una piccola parte ma fortunatamente include alcune delle famose formazioni rocciose e stalattiti. A dire il vero gran parte della grotta non è ancora stata completamente esplorata.

Pooles Cavern è aperta solo da marzo a ottobre, dovrete unirvi a uno dei tanti giri guidati che cominciano ogni 20 minuti. Una volta usciti potrete anche esplorare il parco attorno.

Foto: © Copyright Penny Mayes and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Come arrivare a Pooles Cavern?

Si trova praticamente a Buxton, che potete raggiungere in treno da London/Stockport o Birmingham/Maclesfield e quindi facilmente raggiungibile da qualsiasi parte dell’Inghilterra.

Leggi anche:

5 parchi nazionali del Regno Unito da non perdere(Si apre in una nuova scheda del browser)

  • Londra, annunciato oggi che Oxford Circus potrebbe diventare una piazza in stile italiano
    Il  Westminster Council  vuole cambiare Oxford Street completamente e una delle nuove proposte che dovrebbe essere implementata entro la fine del 2021 si concentra su Oxford Circus. Questo ‘circus’ non è proprio una piazza ma un incrocio di quattro strade, praticamente taglia a metà Oxford Street e Regent Street.  Prima della pandemia 40 mila persone all’ora passavano da Oxford Circus, ma non è completamente pedonizzata. Nel 2009 era stato introdotto un modo per i pedoni di attraversare l’incrocio anche diagonalmente, ma i piani di ora sono molto più rivoluzionari.  Alla fine dell’anno le due parti di Oxford Street saranno chiuse […]
  • Londra, apre Cosaporto per avere delizie direttamente a casa
    A Londra è stato ufficialmente lanciato un portale digitale che offre la consegna di cibo, vino e regali. Tutte cose di qualità ed artigianali.  Cosaporto offre la consegna in stile concierge, che consente di ritirare i prodotti dai migliori produttori e rivenditori della capitale e portarli direttamente a casa entro poche ore dall’ordine. Se lo fate come regalo potete includere anche un biglietto scritto a mano. La scelta che avete ora include la grande pasticceria Peggy Porschen, Casa Cannoli, diversi fornitori di gelato artigianale italiano incluso Unico. Tiramisù e profiteroles di pasticceria, formaggi francesi, Illy Caffè e CasaCosta tra i […]
  • Oxford Street a Londra; cose che non sai e fatti curiosi
    oxford street a londra
  • Colazione all’inglese da provare a Londra, cucinata da italiani da 120 anni
    Uno dei locali italiani a Londra più famosi è senza dubbio  E. Pellicci che si trova a Bethnal Green Road nell’East London. A prima vista può sembrare solo un caffè di quartiere è in realtà un pezzo di storia londinese. Pellicci è un locale veramente a conduzione familiare, dimentica gli Starbucks per un momento, . Il caffè è stato aperto a Bethnal Green, allora uno slum fatiscente, dal nonno italiano di Nevio e Anna, Priamo Pellicci, nel 1900. La storia della famiglia Pellicci La madre di Anna e Nevio, Maria, ha cucinato per anni personalmente nel locale e altri membri […]
  • Una breve storia dello street food di Londra
    Spesso si legge della moda o addirittura dell’invenzione dello Street Food o cibo da strada, come se fosse stato inventato ieri. Indubbiamente ora a Londra c’è la passione per lo street food, con tanti eventi e festival dedicati praticamente solo a quello con la musica dal vivo in secondo piano. Il cibo di strada o street food fa parte della vita londinese da secoli. Nel periodo vittoriano, i vicoli acciottolati e le affollate strade della città pullulavano di venditori ambulanti che vendevano di tutto: pesce fritto e zuppa di piselli, patate al forno e dolcetti, arance (che allora erano un […]
Laura S Ambir
A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Inghilterra