giornata della lingua inglese

Previsioni economiche per Londra e Regno Unito nel 2021

PwC ha pubblicato le previsioni economiche per il 2021 per Londra e il Regno Unito. Potete leggere il rapporto completo qui ma per riassumere questi sono gli otto punti principali.

Potrebbero esserci meno bambini nati nel 2021 rispetto a qualsiasi anno da quando si contano le nascite. Gli effetti sanitari, sociali ed economici della pandemia significa che molti preferiranno non avere bambini fino a quando la situazione non è risolta. 

La popolazione di Londra dovrebbe diminuire per la prima volta da almeno 40 anni. Molti scappano da Londra per andare a vivere in posti meno affollati, altri scappano per mancanza di lavoro. Ovviamente meno persone arrivano per lavorare a Londra sia per il COVID che per la Brexit. 

La migrazione netta con l’UE dovrebbe andare in negativo nel 2021. Il numero di cittadini dell’UE che lasciano il Regno Unito potrebbe essere maggiore di quelli che vengono a viverci. Anche qui la Brexit e COVID hanno un ruolo importante in questa inversione di tendenza.

Il tasso di disoccupazione del Regno Unito potrebbe registrare il più grande aumento trimestrale mai registrato nel secondo trimestre. Anche con la ripresa la fine del programma di aiuto del governo significa che molti verranno licenziati.  

Oltre 10 milioni di persone potrebbero diventare poveri da non avere abbastanza da mangiare. Causato dall’aumento dei prodotti alimentari e dall’aumento della disoccupazione e sottoccupazione. 

Il divario retributivo di genere ed etnia dovrebbe aumentare nel 2021, invertendo potenzialmente un decennio di progressi. Gli effetti della pandemia sul mondo del lavoro sarà particolarmente sentito dalle donne e minoranze etniche che tendono più spesso a lavorare nei settori maggiormente colpiti. 

È probabile che un’auto su otto di nuova immatricolazione in Gran Bretagna sia elettrica o ibrida per la fine del 2021. 

Entro la fine del 2021, la maggior parte dell’elettricità generata nel Regno Unito dovrebbe provenire da fonti rinnovabili.

 

Rispondi

Torna su