Ragazzi, ho deciso di tornare in Italia

Ragazzi, ho deciso di tornare in Italia
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

swanHo voluto provare l’esperienza Londra. Ero venuto molto ben preparato e con certe ambizioni, ora devo gettare un po’ la spugna. Ho investito il mio 100% ma ho capito che ora a Londra, senza lunghe esperienze pregresse, si corre il rischio di inseguirsi la coda per anni. Non sono disposto a farlo, vedere laureati italiani in gambissima che dopo anni a Londra fanno ancora i camerieri o le ricerche di mercato non mi ha incoraggiato molto.

Non sono così arrogante da pensare di essere meglio di loro. Il mio coinquilino, un laureato in economia e marketing, invia circa 20 o 30 cv ogni settimana, da quasi 3 anni! In Inghilterra col fatto che vogliono la cover letter fatta su misura e il cv personalizzato per ogni lavoro, inviare 30 cv vuol dire, regalare uno dei suoi due giorni liberi completamente alla ricerca lavoro.

Preferisco fermare la mia esperienza, chiamarla un’esperienza utile, senza sprecare altro tempo. Ho alcune idee, che a Londra non posso portare avanti a causa della mancanza di tempo. Vi saluto tutti ora e vi auguro una buona e felice vita.

Marco A. P.

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

4 commenti su “Ragazzi, ho deciso di tornare in Italia”

  1. Avatar

    Ti capisco perfettamente…tornerei anch’io in Italia se ci fosse la minima speranza. A Londra si trova lavoro ma non vedo nessuna possibilita’ di costruirmi un futuro, ho paura anch’io che stiamo buttando via anni preziosi senza concludere niente.

  2. Avatar

    Ti capisco perfettamente…tornerei anch’io in Italia se ci fosse la minima speranza. A Londra si trova lavoro ma non vedo nessuna possibilita’ di costruirmi un futuro, ho paura anch’io che stiamo buttando via anni preziosi senza concludere niente.

  3. Avatar

    Quanto tempo sei rimasto a Londra? Purtroppo è una città che non ti regala niente. Devi sbatterti e farti il culo quadrato se vuoi realizzarti davvero. Se pensi che per trovare un lavoro che non sia il cameriere basti avere la laurea ti sbagli. Devi investire su te stesso, iniziare con lavori meno ambiziosi se non hai le skills richieste. Com’è il tuo livello d’inglese poi? Pensi di ritenerti al di sopra di un B2? Perché la conoscenza della lingua conta, e non poco. E per conoscenza della lingua intendo almeno un livello C1. Sicuramente i tempi sono cambiati rispetto a tanti anni fa, c’è più concorrenza, ma non è impossibile come credi farsi strada. Bisogna semplicemente rimboccarsi di più le maniche.

  4. Avatar

    Quanto tempo sei rimasto a Londra? Purtroppo è una città che non ti regala niente. Devi sbatterti e farti il culo quadrato se vuoi realizzarti davvero. Se pensi che per trovare un lavoro che non sia il cameriere basti avere la laurea ti sbagli. Devi investire su te stesso, iniziare con lavori meno ambiziosi se non hai le skills richieste. Com’è il tuo livello d’inglese poi? Pensi di ritenerti al di sopra di un B2? Perché la conoscenza della lingua conta, e non poco. E per conoscenza della lingua intendo almeno un livello C1. Sicuramente i tempi sono cambiati rispetto a tanti anni fa, c’è più concorrenza, ma non è impossibile come credi farsi strada. Bisogna semplicemente rimboccarsi di più le maniche.

Commenta

Un'esperienza italiana nel Regno Unito

I’m a Doctor & I Love my Job.

- Unknow (9)
Claudia racconta la sua esperienza di infermiera in UK
gasometri di londra
Il progetto di un fotografo italiano sui gasometri di Londra
"Mi trovo molto male, è una città che sento ostile"
- Unknow (1)
Elena lavora nel settore della bellezza e racconta la sua esperienza
hairdresser
“Gli affitti sono esagerati anche con un lavoro non ci si puo’ permettere molto”
pablo-11-678x381
"A Londra si vive benissimo, era in italia che si viveva male"
Penso di aver trovato il posto giusto in cui vivere
"Penso di aver trovato il posto giusto in cui vivere"
Partire con una buona conoscenza dell’inglese
Partire con una buona conoscenza dell'inglese
Esperienza di un italiano che lavora nel customer service  B2B
Esperienza di un italiano che lavora nel customer service B2B
Vivo a Wimbledon ormai da quasi un anno
Ultime reazioni
Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: