Recensione Libro: The Good Liar di Amanda Brooke

Ho letto parecchi libri di Amanda Brooke, spesso si trovano a metà tra un dramma familiare e un thriller psicologico. Quello prima di questo The Widows Club non era ambientato in una famiglia ma in una cerchia più ampia di persone. The Good Liar è lo stesso, qui troviamo diverse persone che vivono nella stessa città all’indomani di una grande tragedia. Il teatro locale era stato restaurato da un gruppo di donne ben intenzionate capeggiate da Philippa. Purtroppo la sera dell’inaugurazione il teatro viene distrutto da un incendio e diverse persone hanno perso la vita.


Ci sono molte domande come sempre accade in casi come questo e molte dita puntano su Philippa e il suo elettricista morti anch’essi nell’incendio ma a un anno dalla tragedia l’inchiesta scopre che tutto è stato fatto dal libro e l’azienda che fornisce del materiale è troppo colpevole. Uno dei personaggi principali è una giornalista del quotidiano locale, la sua migliore amica è morta nell’incendio ed è determinata a scoprire la verità. Ma ci vuole tempo e lei non ha sempre ragione su chi potrebbe essere colpevole e chi potrebbe essere un eroe.


Complessivamente, è una bella storia, all’inizio l’ho trovata un po ‘lenta ma poi mi ha interessata. È diverso da molti thriller psicologici in quanto ci sono molti livelli di colpevolezza e non solo un autore. Ci sono alcuni colpi di scena ma abbastanza prevedibili, soprattutto visto il titolo del libro, sai che qualcuno sta mentendo. Ma nel complesso un buon libro che consiglio a chiunque ami una storia di intrighi di paese più che un noir domestico. Mi è stata data una copia gratuita di questo libro da Netgalley in cambio di una recensione onesta.

 

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

Torna su