Regno Unito: forte calo stipendi nel settore edilizio

Anche il settore dell’edilizia nel Regno Unito vede un aumento della disoccupazione e una diminuzione degli stipendi.

Infatti persino gli architetti accettano tagli di remunerazione fino al 20% pur di lavorare.

La selezione del personale è diminuita parecchio con le agenzie di selezione personale che affermano di vedere una qualità molto alta di candidati, che spesso fanno domanda per lavoro decisamente al di sotto delle loro esperienze e qualifiche.

A giugno si è visto qualche segno positivo, semplicemente per il fatto che molti progetti che dovevano iniziare ad aprile o progetti in corso che sono stati sospesi hanno ripreso Ma siamo ancora lontano dalla normalità per il momento.

Questo riflette ciò che accade in altri settori. Le offerte di lavoro sono poche e i candidati tanti, spesso persone con tanta esperienza fanno domanda per lavoro molto sotto le loro capacità.

Secondo Total Jobs i settori che ancora cercano personale sono: istruzione, pulizie, distribuzione inclusi autisti di mezzi pesanti e furgoni, personal trainers, supermercati e IT. Se avete esperienza in questi settori, potete trovare lavoro in poco tempo.

Leggi anche:

Royal Mail sta cercando postini a Londra e Gran Bretagna(Si apre in una nuova scheda del browser)

  • Londra, si aggrava la crisi del personale in tutto il paese
    La crisi del personale continua e sta diventando una cosa seria, anche se prevista. Frustrante perché ci sono molti italiani e non solo che vorrebbero venire a lavorare, ma se non molto qualificati in certi settori, non possono avere il visto. Quindi come risolvere il dilemma? Aumentare gli stipendi significa aumentare il costo dei prodotti e servizi che non è una buona notizia per i consumatori o gli esportatori. Riaprire le frontiere agli immigrati significa fare una retro marcia politico decisamente imbarazzante. The Guardian ha pubblicato oggi un articolo con tanto di grafici e spiegazioni per chi fosse interessato a […]
  • Londra, tra quattro giorni si chiudono le porte del settled status e comincia il panico
    Rimangono solo quattro giorni per chiedere il settled o pre-settled status, dal 1 luglio chi non ha uno dei due o un altro documento che permette di lavorare nel Regno Unito sarà a tutti gli effetti clandestino.  Settori come la ristorazione, ospitalità e produzione alimentare sono molto preoccupati, già hanno problemi a trovare personale, ma con le nuovi leggi diventerà praticamente impossibile.  Questi settori hanno subito gravi carenze di manodopera da quando il settore ha riaperto dopo il lockdown. Ciò è dovuto in parte ai lavoratori dall’estero che lasciano il Regno Unito per tornare nei loro paesi d’origine a causa […]
Daniela Mizzi
Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Commenta

You may also like

More in Lavoro