Regno Unito; il governo chiede di fare scorta di medicinali per la Brexit

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Il ministero della salute britannico ha scritto alla case farmaceutiche e distributori chiedendo di fare scorte di almeno 6 settimane di tutti i medicinali.  Il motivo è che con la Brexit senza trattato, le merci inclusi viveri  e medicine potranno rimanere bloccati alla dogana. Almeno per i primi tempi fino a quando riprende un nuovo ritmo.

Alcune medicine già mancano nel Regno Unito, probabilmente perché sono gli ospedali stessi a farne scorta.  L’anno scorso infatti molti ospedali avevano comprato altri frigoriferi per poter tenere i medicinali.

Secondo alcuni però le scorte saranno solo una soluzione temporanea, i problemi rimarranno anche dopo sei settimane.  Per la BMA, il sindacato dei medici,  per esempio è essenziale che il governo faccia un trattato con la UE per quanto riguarda almeno i medicinali.

La pandemia ha anche fermato la produzione di certi medicinali e certe scorte si sono abbassate. Mentre il Regno Unito ha molti laboratori di ricerca e sviluppo, ha poca produzione.

80% dei medicinali vengono dall’estero, soprattutto India e UE, ma anche quelli che vengono dall’India passano dalla UE.  Molti medicinali dall’India già scarseggiano per via della pandemia, ci sono diversi prodotti praticamente introvabili in tutto il Regno Unito.

Nonostante tutto il governo britannico vuole assolutamente uscire dal mercato unico  e l’unione doganale dal 1 gennaio 2021 per rispettare ‘il volere del popolo’. Anche se la maggioranza di questo ‘popolo’ non vuole uscire dal mercato unico alla fine dell’anno. Inoltre UK perde anche tutti i trattati che UE ha fatto con altri paesi.

Bisogna ricordare che durante la campagna per il referendum la questione del mercato unico e unione doganale non era mai stata molto chiara. Molti dichiararono che UK sarebbe uscita dal mercato unico, ma avrebbe ottenuto accesso senza dover pagare o osservare altre regole. Cosa che in effetti non è mai stata possibile.

Ora è proprio il governo che chiede di fare scorte, non si tratta più di notizie false o individui che vogliono mettere paura, se non ci sono altri colpo di scena, dovremo cominciare ad allacciare le cinture.

Leggi anche:Londra non è la capitale del Regno Unito ufficialmente(Si apre in una nuova scheda del browser)

Ultimo aggiornamento 2022-01-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Newsletter

Commenti recenti
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 36 altri iscritti

corsi online
Corsi gratuiti online da fare ora per migliorare il vostro CV
Manhattan estensione
Il progetto per estendere Manhattan
Seven Sisters North Tottenham
Seven Sisters a Londra; cose da sapere su questa zona
queen anne's alcove
Conosci la Queen Anne's Alcove?
catherine parr casa
In vendita la casa della famiglia di una moglie di Enrico VIII
the anglesea arms
Il pub storico di Kensington frequentato da Dickens e DH Lawrence
caiy stane
Caiy Stane, lo strano masso di Edimburgo
english grammar in use
English Grammar in Use, vale la pena comprare questo libro di grammatica?
Untitled design - 2022-01-21T165908
Londra, Boris Johnson non intende dimettersi
1952521_stamp
Nuovo film sulla Principessa Diana al Sundance Festival
I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Brexit. Tra diritto e politica
Bestseller No. 2 BREXIT
OffertaBestseller No. 3 Il Regno Unito alla prova della Brexit. Come sta cambiando il sistema politico britannico

Ultimo aggiornamento 2022-01-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

1 commento su “Regno Unito; il governo chiede di fare scorta di medicinali per la Brexit”

  1. Non comprendo lo scopo di questo articolo, i malati cronici hanno sempre una scorta in casa, non ha detto nulla di nuovo

Rispondi

Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: