parchi di londra (83)

Ribellione di deputati conservatori contro Boris Johnson

I conservatori stanno discutendo su come reagire se i parlamentari di Boris Johnson innescano un importantissimo voto di fiducia nelle ricadute del rapporto di Sue Gray sui partiti di Downing Street che infrangono le regole.

I nomi dei deputati che vogliono le dimissioni di Johnson sta salendo continuamente e stamattina si aggiunge anche Andrea Leadsom che aveva lavorato con Johnson nella campagna del referendum per uscire dalla UE. La Leadsom è un nome famoso e non uno dei tanti deputati che nessuno ha mai sentito nominare prima, i deputati alla Camera dei Comuni sono 650 e alla Camera dei Lord 775, difficile ricordarli tutti. Ma la Leadsom è nota e ha parecchi seguaci.

Quando ci sono 54 lettere di deputati che chiedono le dimissioni del primo ministro Boris Johnson, deve essere fatto un voto di non confidenza e possibilmente l’elezione di un nuovo leader.

Sembra che siamo vicino alle 54 lettere, ma questa settimana i parlamentari sono in vacanza, quindi tutto viene posticipato alla prossima settimana.

I deputati hanno perso fiducia nel Primo Ministro non solo per le rivelazioni di party selvaggi tenuti durante il lockdown, ma anche per il fatto che ha sempre negato tutto fin quando ha dovuto ammettere dopo l’indagine della polizia londinese.

Il numero 10 di Downing Street è l’indirizzo in tutto il Regno Unito che ha commesso il maggior numero di inflazioni, che sia anche l’indirizzo del Primo Ministro è preoccupante.

Rispondi

Torna su