Riesci a vivere a Londra con la paga minima?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Ancora altri appelli alle aziende londinesi perchè paghino la living wage (quella vera) a tutti.

Infatti sempre più lavoratori a Londra fanno fatica a sbarcare il lunario.

Cosa sarebbe la living wage?

La living wage è la cifra ritenuta il minimo indispensabile per vivere a Londra per una persona che lavora. Da non confondersi con la national living wage che è il nuovo nome trendy dato dal governo alla national minimum wage, ovvero la paga minima nazionale.

Per capire la differenza basta guardare al fatto che la national living wage oraria a Londra è di £7,83 lorde all’ora mentre la living wage vera è di £10,55 lorde all’ora. Non una differenza da poco.

Ci sono molte aziende londinesi che pagano la living wage, generalmente notano maggiore produttività e dipendenti che rimangono più a lungo. Ma la maggioranza di datori di lavoro a Londra specialmente in settori come la ristorazione ancora non la paga e in molti casi non ha intenzioni di pagarla.

Abbiamo testimonianze di italiani che giurano che con i £7,83 della national living wage vivono benissimo, anzi riescono a risparmiare. Questo contraddice tutti gli studi ufficiali che affermano che la national living wage a Londra non è sufficiente per vivere decorosamente.

Il problema, come abbiamo sottolineato diverse volte è che molti italiani arrivano giovani e disposti a condivere stanza, e anche letto a volte, con estranei. Non ci vedono niente di male, ma è discutibile pensare che condividere una stanza con estranei sia “vivere decorosamente”, specialmente se fatto per periodi lunghi di tempo.

Questo purtroppo crea uno dei problemi per cui tanto hanno votato per la Brexit ovvero l’idea, a volte errata, che gli immigrati, accettando lavoro a tutte le condizioni, fanno abbassare le paghe. In effetti, con aria di Brexit in giro e un calo di immigrati, certi datori di lavoro hanno dovuto aumentare le paghe. Bisogna poi vedere quanti del posto sarebbero disposti a fare certi tipi di lavoro a vita anche a £10 all’ora, e la situazione è indubbiamente più complessa.

Se hai preso o prendi la minimum wage o national living wage a Londra credi sia possibile veramente vivere bene senza farsi mancare niente? 

Puoi raccontare la tua esperienza usando il modulo qui sotto

[user-submitted-posts]

 

 

 

 

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti questi consigli!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

My Post (5)
Esperienza di un'italiana che lavora come educatrice in un asilo
Youre-awesome-2-768x384
"Rimpiango solo di essere stata così a lungo in questo bruttissimo paese"
Copy of viaggi (7)
Londra: crollo delle assunzioni di neo-laureati
waiter
Modello CV per camerieri, baristi e kitchen porter
Untitled design (5)
Brexit no deal: posso continuare a ricevere benefit e pensione?
Torna su