rimborso tasse in gran bretagna

Ecco i moduli veramente importanti per essere sicuri di pagare il giusto di tasse  e per non avere  problemi a chiedere il rimborso tasse in Gran Bretagna, quando decidete di andarvene.

R50 Se siete arrivati nel mezzo dell’anno fiscale e avete pagato  troppe tasse, dopo la fine dell’anno fiscale (il 6 aprile ma abbiate pazienza alcuni mesi) dovreste essere automaticamente rimborsati.

Se questo non dovesse  succedere,  presentatevi a uno di questi uffici dove  probabilmente vi faranno compilare questo modulo.

Dovete essere sicuri che avete pagato troppe tasse perché è successo spesso che persone che sono andate  a chiedere un rimborso tasse in Gran Bretagna nella speranza di avere un rimborso si sono trovate a dover restituire soldi.

Come si dice svegliate il can che dorme a vostro rischio e pericolo. Controllate prima qui se avete pagato troppe tasse e se avete diritto ad un rimborso tasse in Gran Bretagna.

Gira la voce tra italiani da anni che tutti possono richiedere ‘le tasse indietro’ tutti gli anni. Queste sono leggende urbane, che senso avrebbe pagare le tasse se poi ve le ridanno tutte indietro?

Dovrebbe essere ovvio che alcuni, avendo cambiato diversi posti di lavoro spesso senza dare il P46 si sono ritrovati a pagare troppe tasse in quell’anno fiscale e quindi avranno un rimborso. Ma ciò non significa che tutti gli italiani in Gran Bretagna hanno diritto ad un rimborso, se lo richiedono. Anzi, capita a volte che richiedendo un rimborso, salta fuori che siete voi a dovere soldi.

Che modulo compilare se invece ve ne andate dalla Gran Bretagna?

P85 Da completare quando state per lasciare il Regno Unito e potete chiedere il rimborso tasse.

Solo le tasse di quell’anno fiscale e le tasse pagate di troppo nei quattro anni precedenti verranno rimborsate. Per gli anni precedenti non ci saranno rimborsi.

Generalmente i tempi del rimborso sono piuttosto veloci (in media 3/4 settimane) e vi mandano i soldi anche in Italia se lo richiedete.

Leggi anche: Il Pay As You Earn (sistema fiscale britannico)

Tecnicamente però i soldi che vi vengono restituiti dell’ultimo anno fiscale dovranno probabilmente essere versati al fisco italiano se ritornate a viverci e cambiate la residenza.

Per i contributi del National Insurance Number non potete chiedere nessun rimborso ma potete trasferire i crediti che avete accumulato ad un altro sistema pensionistico (in Italia o un altro paese UE fin quando UK rimane membro, dopo non sappiamo come saranno gli accordi).

Per farlo dovete farvi dare un estratto dei vostri contributi pagati nel Regno Unito, che potete anche ottenere online qui.

Foto: Some rights reserved by wwarby

Se compilate il P46 non dovrete poi avere un rimborso tasse in Gran Bretagna

P46 Questo è un modulo essenziale sia quando arrivate e cominciate il primo lavoro o se cominciate un nuovo lavoro senza presentare un P45.

Evitate a questo modo di dover chiedere il rimborso tasse. Senza P45 o P46 pagherete molte tasse a volte fino al 33%.

Non tutti i datori di lavoro ve lo daranno automaticamente, dovrete chiederlo o scaricarlo, compilarlo e poi presentarlo al vostro manager.

Anche quando compilate non sempre avrete  il codice delle tasse corretto da subito, spesso dovete aspettare un paio di mesi, ma tutte le tasse che pagate di troppo vi verranno rimborsate.

Se non compilate questo modulo correte il rischio di pagare molte tasse fino all’inizio del prossimo anno fiscale.

Prima di chiedere il rimborso tasse in Gran Bretagna, assicuratevi di averne diritto

P38 Questa è uno delle tante leggende metropolitane che se uno studia in Italia o frequenta un corso di inglese anche di un paio d’ore può compilare questo modulo e non pagare tasse.

Non è assolutamente vero,  bisogna essere studenti FULL TIME nel Regno Unito per averne diritto.

Comunque questo sistema limita la cifra che uno può prendere superate le £10000 circa anche lo studente paga normalmente le tasse ed è stato eliminato.

In ogni caso dall’aprile 2013 questo modulo non viene più usato e anche gli studenti finiscono normalmente nel sistema PAYE. Le mettiamo perché diversi siti italiani ancora lo elencano come un modo per pagare meno tasse se studiate. 

Altri articoli sul lavoro

Fare l’architetto a Londra e in Gran Bretagna; alcuni consigli

Succede molto spesso nel Regno Unito che molti datori di lavoro preferiscono assumere una persona con esperienza dall’estero che assumere un neo-laureato britannico. Questa è un’ ottima notizia per un architetto italiano con esperienza ma meno buon per i neo-laureati britannici. Anche se ci sono spesso offerte di lavoro e di formazione anche per giovani […]

0 comments
lavorare nei customer services

Fare un CV per lavorare nei customer services

Il termine customer service è molto vago e include sia chi deve rispondere alle lamentele al telefono in un call centre che chi deve organizzare tutto il servizio vendita e post vendita di un qualsiasi prodotto o servizio in un ufficio o chi aiuta i clienti in un negozio o department store. Di conseguenza gli […]

0 comments

Esperienze di italiani che lavorano in ufficio a Londra o Gran Bretagna

Ci sono molti italiani che puntualmente scrivono che gli italiani a Londra (o Gran Bretagna) possono solo lavorare in ristoranti o posti simili. Solitamente citano ragioni per questo fenomeno, come discriminazione o il fatto che gli ‘inglesi’ si tengono i lavori migliori e altro. In realtà però tantissimi italiani non lavorano nella ristorazione e molti […]

0 comments